Spiaggia per cani

Spariscono panche, steccati, tavoli e pergola frangisole, dalla spiaggia per cani di Ventimiglia, che anche quest’anno sarà realizzata a levante della foce del fiume Roya e vicino allo stabilimento Sirena. Il motivo sono i migranti, così come specificato in delibera dall’amministrazione. “Evidenziato che già per l’estate 2018, in relazione alle problematiche emerse nel 2017 – è scritto nel documento – anche connesse alla presenza sul litorale di migranti, che persistono anche quest’anno, si è ritenuto di non poter attrezzare l’area dove è consentito l’accesso ai bagnanti accompagnati da cani, con tavoli, panche, pergola frangisole, bacheca, steccati ecc.”

L’utilizzo della spiaggia da parte di bagnanti accompagnati da cani è consentito dal 15 maggio fino al 30 settembre 2019, termine della stagione balneare, dalle 7 alle 20. Per evitare il sovraffollamento, potranno accedere al litorale un massimo di 20 cani alla volta.

Il regolamento

– I cani possono accedere all’arenile solo se regolarmente iscritti all’anagrafe canina (con evidente sistema di identificazione in conformità alla normativa vigente), e/o che possano dimostrare, anche nel caso di animali provenienti dall’estero, di essere in regola con le vaccinazioni contro le più comuni malattie infettive ed infestive.

– L’accesso è proibito ai cani con sindrome aggressiva ed ai cani femmina durante il periodo estrale;

– Per i cani appartenenti a razze o a incroci di razze a rischio di aggressività, è d’obbligo applicare la museruola e il guinzaglio in caso di rischio per l’incolumità di persone o animali, o su richiesta delle autorità competenti;

Leggi anche:  Penale di 35mila euro al Comune di Ventimiglia per la differenziata

– Ogni animale, prima di accedere alla spiaggia, dovrà essere munito di collare antipulci o altri apprestamenti;

– E’ fatto obbligo ai proprietari ed accompagnatori dei cani, di controllare ed accudire i propri animali, ponendo particolare attenzione a condurli e custodirli al guinzaglio, lungo al massimo mt. 1,50, per consentire una pacifica convivenza con i presenti, ed avere cura che il cane non rechi disturbo ai vicini;

– Eventuali deiezioni solide dovranno essere immediatamente rimosse e depositate nei contenitori dei rifiuti;

– I proprietari sono personalmente responsabili del comportamento del proprio cane e del controllo e conduzione dello stesso e rispondono civilmente e penalmente degli eventuali danni o lesioni causati a persone, animali o cose provocati dal cane stesso. I cani non devono essere mai lasciati incustoditi. Chi a qualsiasi titolo accetti di detenere un cane non di sua proprietà ne assume la responsabilità per il relativo periodo;

– L’area destinata alla balneazione degli animali è compresa nello specchio d’acqua antistante la zona di arenile a loro destinata. – Anche l’accesso all’acqua deve avvenire cercando di evitare il sovraffollamento;

– Se il cane indossa il collare anti pulci, questo deve essere tolto al momento dell’ingresso in acqua ed essere rimesso nel momento dell’uscita dall’acqua;

– Durante la permanenza in acqua dei cani deve essere assicurata la presenza del proprietario per la relativa sorveglianza, all’uscita dall’acqua il cane deve essere riassicurato al guinzaglio;

– I proprietari degli animali domestici, rimangono comunque soggetti al rispetto delle disposizioni di legge vigenti in materia.

Leggi QUI le altre notizie