Fondazione

La Fondazione Chiappori di frazione Latte, a Ventimiglia, proprietaria dell’omonima residenza per anziani, compie quest’anno i 110 anni dalla sua costituzione, avvenuta nel 1909. Un grande traguardo che sarà festeggiato con due giornate celebrative: il 19 e 20 ottobre prossimi.

“In seguito a una serie di trasformazioni, dettate dai tempi e dalle necessità della popolazione – spiega la direttrice Isabella Berrino – il ricovero si è trasformato in una moderna residenza sociale e sanitaria per anziani, quest’ultimi parzialmente o totalmente non autosufficienti con una capienza massima di sessantacinque posti letto”. Nel corso degli anni la Fondazione si è sempre prestata quale luogo di socializzazione per i residenti del comprensorio, punto d’incontro e di aggregazione per le realtà di volontariato presenti sul territorio.

“Dal primo febbraio scorso la struttura è gestita dalla cooperativa sociale ‘Punto Service’, con sede a Vercelli. E’ nostro desiderio festeggiare questo anniversario per onorare il benefattore Ernesto Chiappori e tutti quelli che si sono susseguiti, ma soprattutto per rinnovare il nostro impegno nei confronti della popolazione ed in particolare modo degli anziani”.

A illustrare le due giornate celebrative

è il presidente del cda, il dottor Claudio Berlengiero: “Le due giornate prevedono, tra l’altro: un convegno scientifico a valenza nazionale e regionale  dal titolo ‘Dallo Stato sociale allo Stato del Benessere’, per approfondire la situazione degli anziani, i bisogni e le risposte che possono essere predisposte per migliorare la qualità della vita. Ci sarà anche un appuntamento conviviale a scopo benefico con una raccolta di fondi mirata a due iniziative che la Fondazione intende realizzare: un ‘service’ agli anziani ricoverati in struttura  riguardante l’ampliamento di interventi riabilitativi quali pet therapy e un servizio per gli anziani del quartiere o della città finalizzato a fornire servizi a sostegno della domiciliarità”.

Si prevede, dunque

la figura di un “assistente familiare di quartiere”, care manager, quale supporto professionale per le famiglie, capace di proporre delle soluzioni su misura per gli anziani nel loro domicilio e al contempo in grado di garantire una “gestione tutto compreso” dei servizi utilizzando anche quelli già forniti dalla Rsa, quali: pranzi, fisioterapia, socializzazione e via dicendo.

Berlengiero annuncia pure che dopo dieci anni particolarmente difficili, per una serie di interventi di messa in sicurezza e adeguamento della struttura, entro fine anni i conti torneranno in pareggio”. ”Per avviare queste due iniziative – conclude Berrino – è necessario raggiungere un minimo di 15mila euro. Se la cifra raccolta sarà inferiore, ne partirà solo uno”. Il cda della Fondazione è formato, oltre che dal dottor Berlengiero, anche dai consiglieri: Francesca Biancheri Chiappori e don Luca Salomone, attuale parroco di Bordighera. In relazione all’articolo 4 dello statuto: tutte le cariche vengono coperte a titolo gratuito.

Il programma

Si inizia domenica 15 settembre, alle 12, con la ‘Grigliata in giardino’: una giornata di incontro tra i membri del cda della Fondazione, della cooperativa Punto Service che gestisce la residenza sanitaria, il personale della Rsa e tutti i volontari che operano all’interno della struttura.
Ma la grande festa avrà luogo il 19 ottobre.

Leggi anche:  Ecco chi sono i nuovi medici-paperoni dell’Asl, tutti gli stipendi su La Riviera in edicola

Si parte con un convegno, “Dallo stato sociale allo stato del benessere: i mutamenti in corso nella percezione della sicurezza sociale”, destinato a operatori, funzionari e dirigenti dei servizi socio sanitari residenziali e territoriali, organizzato allo scopo di stimolare il confronto, valorizzare la cultura dei professionisti ed offrire un’occasione per riflettere sulle politiche sociosanitarie e sul tema della salute nella sua più ampia accezione.

Nel corso del convegno, che vede anche la presenza dell’assessore regionale alla Sanità Sonia Viale, verranno posti diversi interrogativi: come orientare le cure primarie anche in una ottica di prevenzione tenendo altresì conto delle nuove sfide dell’invecchiamento della popolazione; come prederei cura degli utenti/pazienti e degli operatori per il loro benessere e per favorirne la coesione. Sempre il 19 ottobre, è in programma alle 15 una visita guidata ai Giardini Hanbury: “I colori dell’autunno”.

E poi gran finale alle 20, con una cena organizzata dal giovane cuoco Diego Pani in collaborazione con i ristoratori di Ventimiglia e l’associazione culturale “Le ragazzi di Wilma e…”. Info all’indirizzo mail: amministrazione@fondazionechiappori.it. 
I festeggiamenti si chiudono domenica 20 ottobre con il concerto del “Coro Voci e Note sotto le stelle” di Bordighera alle 15,30, la santa messa alle 16,30 e il successivo rinfresco con taglio della torta.

Leggi QUI le altre notizie