Licenziati tutti

La Croce Rossa di Ventimiglia ha licenziato tutti i dipendenti, a decorrere dal prossimo primo novembre. Si tratta di tre autisti e un’infermiera e un quarto impiegato, quest’ultimo a tempo determinato. La sede di via Dante, quindi, è a rischio, in quanto potrà reggersi soltanto sull’apporto dei volontari che non sempre riusciranno a garantire le emergenze nelle tre fasce orarie della giornata: mattina, pomeriggio/sera e notte.

“Per motivi ancora poco chiari ma forse riconducibili e problemi di bilancio è stata presa la decisione di licenziare tutti e tre gli autisti soccorritori e l’infermiera adibita al centro trasfusionale – avverte Tiziano Tomatis, segretario generale imperiese della Fp-Cgil -. Una decisione che preoccupa il sindacato da un punto di vista occupazionale, ma in modo più allarmante per il quadro che si determinerà nei confronti della cittadinanza che, ad oggi si ritrova in balia di una sanità precaria, ospedali in via di privatizzazione, pronto soccorsi affollati e poco funzionali per carenza di personale medico e infermieristico e inoltre pochi o nessun investimento per l’assistenza territoriale che si rivela decisamente insufficiente”. Alla decisione del direttivo della Croce Rossa, di licenziare i dipendenti, si sarebbero opposti i volontari con una lettera inviata alla sede centrale della pubblica assistenza.

Leggi anche:  Minaccia 40enne con un coltello. Denunciato dalla polizia

Leggi QUI le altre notizie