Tassa di soggiorno

L’Amministrazione di Bordighera ricorda che il prossimo 16 aprile scade il termine per il primo versamento delle somme riscosse a titolo di imposta di soggiorno nel primo trimestre 2019. Tale adempimento è a carico di coloro che incassano direttamente i canoni o i corrispettivi del soggiorno o che intervengono nel pagamento degli stessi, ossia i gestori di strutture ricettive, chi esercita attività di intermediazione immobiliare o gestisce portali telematici, tutti coloro che affittano appartamenti per locazioni brevi inferiori ai 30 giorni, anche con esercizio occasionale e in forma non imprenditoriale, i rappresentanti fiscali.

Più in particolare tutti questi soggetti, una volta accreditati al sistema informatico comunale dedicato (online all’indirizzo https://bordighera.imposta-soggiorno.it/), sono tenuti a comunicare tramite il portale i dati specificati nel “Regolamento per la disciplina dell’Imposta di Soggiorno”, tra cui gli estremi del versamento al Comune di Bordighera delle somme riscosse. Le scadenze cadono entro il giorno 16 dalla fine di ciascun trimestre solare: il 16 aprile appunto, e a seguire il 16 luglio, il 16 ottobre e il 16 gennaio.

L’imposta di soggiorno, la cui applicazione è entrata in vigore lo scorso 7 gennaio, deve essere corrisposta dai non residenti in Bordighera che abbiano già compiuto 14 anni; viene applicata per un massimo di 6 pernottamenti consecutivi nella medesima struttura ricettiva ed il suo ammontare varia tra 1 e 3 euro per notte, in base alla tipologia e alla categoria della struttura stessa.

Leggi anche:  Studenti del Colombo al Palafiori per un incontro sulle barriere architettoniche

Il gettito è destinato alla promozione turistica di Bordighera, in parte (40%) direttamente dal Comune, in parte (60%) in accordo con le associazioni locali più rappresentative delle strutture ricettive. “E’ una risorsa cruciale per la realizzazione di quello sviluppo turistico che la Città merita di vivere” sottolinea il Sindaco Ingenito.