Monet

Si apre il 30 aprile e sarà visitabile, fino al prossimo 28 luglio: la mostra che Bordighera dedica a Monet, pittore impressionista che visse nella cittadina delle Palme e dipinse, nel 1884: “La Vallée de Sasso effet de soleil”, quadro che sarà esposto a villa Regina Margherita, proveniente dal Museo Marmottan di Parigi. Contemporaneamente, a Dolceacqua, sarà esposta un’altra tela, anche questa custodita al Marmottan: “Le Chateau de Dolceacqua”.

I particolari della mostra sono stati annunciati, stamani, dal professore Aldo Herlaut, a margine della prima Commissione sul Turismo dell’amministrazione retta dal sindaco Vittorio Ingenito. Due i piani di allestimento a Bordighera: la prima ospiterà una quindicina di opere, di cui quattro tele di proprietà del Comune di Bordighera, realizzate da artisti dell’Ottocento che hanno vissuto o soggiornato nella cittadina della Palme. Saranno esposto opere di Giuseppe Ferdinando Piana, Karl Lorenz Rettich, Hermann Nestel, Pompeo Mariani, Ascan Wilhelm Lutteroth e altri. Il leit motiv della mostra sarà la Bordighera di fine Ottocento e inizio Novecento.

Saranno anche esposte opere di collezioni private dell’ingegnere Giuseppe Bessone, del dottor Rodolfo Berro e del ventimigliese Franco Trucchi. Un altro salone ospiterà una mostra fotografica, con immagini storiche a cura di Marco Cassini e Giorgio Caudano. Verrà creata una sorta di “camera oscura” in cui la gente potrà rivivere, nelle immagini in bianco e nero, la Bordighera di una volta. Il biglietto intero costerà 9 euro, prezzo con il quale si potranno visitare sia la mostra a Bordighera che quella allestita a Dolceacqua.

Leggi anche:  Bordighera: degrado e sporcizia in via Trento, scatta l'ordinanza

Ma l’aspetto importante, sottolineato anche dal primo cittadino è che i residenti dei due Comuni che acquisteranno il biglietto di ingresso potranno accedere alla mostra tutte le volte che lo desidereranno senza più pagare il ticket. 
La gestione dell’evento, per quanto riguarda l’apertura della villa, la pubblicità e il marketing legato all’evento Monet è stata affidata a “Sistema Museo”: cooperativa con sede in Umbria che ha inviato l’unica offerta pervenuta a Palazzo Garnier per la gestione dell’evento.

Leggi QUI le altre notizie