La pet therapy in Liguria: a Diano Marina i risultati del convegno nazionale

Diano marina ha ospitato presso la sala consigliare del Comune una conferenza nazionale sulla Pet Therapy.

Un tema molto sentito e discusso a 360 gradi, grazie all’intervento di tanti esperti che a pieno titolo lavorano in questo ambito. Gli IAA comprendono una vasta gamma di interventi terapeutici, educativi e ludici, volti a migliorare la salute e il benessere delle persone con l’ausilio di alcuni animali adeguatamente preparati.

L’utilità degli interventi assistiti con gli animali (IAA)

L’iniziativa, che ha visto la partecipazione di un vasto ed eterogeneo pubblico, ha fatto il punto sulla normativa nazionale di riferimento e sulle linee guida per IAA, attualmente recepite da tutte le regioni italiane.  Utili e chiarificatori della complessità delle linee guida sono stati gli interventi dei rappresentanti del Ministero della Salute e del Centro di Referenza Nazionale sugli IAA dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezie. Un’importante attività è in corso presso il Centro di referenza Nazionale sugli IAA relativa alla valutazione della formazione pregressa degli operatori e all’inserimento degli stessi all’interno di una specifica banca dati nazionale alla quale tutti potranno accedere per verificare l’idoneità dei professionisti allo svolgimento di IAA.

Leggi anche:  Ecco chi è Miss Inverno 2019

I protocolli operativi

Il referente per la Regione Liguria ha poi presentato le attività svolte sul proprio territorio. Al termine della mattinata gli specialisti dell’Istituto Zooprofilattico del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta hanno illustrato i protocolli operativi per la valutazione sanitaria e comportamentale degli animali coinvolti durante l’attività, evidenziando come questi aspetti siano estremamente importanti al fine di tutelare il benessere psicofisico dell’animale e la salute del paziente. Inoltre dal Piemonte alla Sicilia alcuni relatori hanno raccontato la loro esperienza e i lori interventi in pazienti affetti da disturbi psichiatrici e bambini con diverse disabilità. Nella tavola rotonda, organizzata durante la sessione pomeridiana, un ampio spazio è stato dedicato alle esperienze su campo raccontante in prima persona dai relatori e dai partecipanti al convegno e alla necessità di organizzare una formazione adeguata e riconosciuta su questo tema.