La giovane del Liceo Amoretti di Imperia dovrà rifare il colloquio orale davanti a una nuova commissione esaminatrice

Studentessa bocciata alla maturità per 1 solo punto fa ricorso e lo vince

Una studentessa del liceo Amoretti di Imperia si è vista bocciare alla maturità non avendo ottenuto la votazione minima di 60/100. La giovane aveva infatti preso 59. A quel punto la ragazza, forte dei suoi risultati scolastici, si  è rivolta all’avvocato Matteo Andracco e ha fatto ricorso al Tar.

Ieri la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale di Genova che ha dato ragione alla studentessa permettendole di fare di nuovo la prova orale (quella nella quale aveva ottenuto una votazione troppo bassa che non le aveva consentito di superare la maturità) con una nuova commissione esaminatrice.

Come scrivono oggi i quotidiani locali la sentenza del Tar parla di una valutazione troppo severa che richiederebbe una motivazione dettagliata e puntuale laddove il candidato vanti un curriculum scolastico positivo, come nel caso della studentessa imperiese