Nasce il Barattolo dell’emergenza Lions

Il barattolo contiene note sulle principali patologie e su tutte le notizie mediche a protezione delle fasce più deboli della popolazione

Tutti noi, ormai abituati all’informatizzazione, riteniamo che i nostri dati sanitari siano disponibili in ogni momento, qualora ce ne fosse bisogno. Purtroppo, non sempre è così.

Da questa considerazione nasce il “Barattolo dell’emergenza Lions” che sviluppa un sistema semplice ed efficace di supporto nell’emergenza medica inizialmente a protezione delle fasce più deboli della popolazione, in particolare anziani e disabili che vivono soli, ma potenzialmente estensibile a tutti i residenti.

Il Barattolo dell’Emergenza Lions contiene una piccola scheda informativa con le comunicazioni più importanti per i primi soccorritori ed il personale medico che dovrà poi assistere il soggetto, scheda immediatamente reperibile perché posizionata nel frigorifero di casa (ambiente quasi sempre disponibile e protetto da fuoco, esplosioni etc.).

La scheda contiene note sulle principali patologie, i farmaci assunti, le allergie, le persone di riferimento da chiamare, la presenza di animali domestici da accudire con i nominativi a cui rivolgersi, ecc.

Sulla porta di casa e sullo sportello del frigo vengono posti adesivi speciali che contrassegnano le famiglie aderenti al progetto. In maniera rapida, i soccorritori potranno cosi accedere a dati essenziali, specie in caso di persone ritrovate sole e, magari, confuse o incoscienti.

Leggi anche:  Trovato in val Roja il nido di aquila reale a più bassa quota delle Alpi

L’idea del “Barattolo”, già applicato in Inghilterra e Germania dai Lions Club locali, è stata adottata per la prima volta in Italia dal Lions Club Vado Ligure Quiliano Vada Sabatia e promotrice ne è stata Fiorella Roba, medico dell’emergenza da oltre trentacinque anni. Questo progetto è stato identificato come Service Nazionale dei Lions: ciò vuol dire che ogni Club Lion in Italia è invitato ad aderire.

È stata proprio Fiorella Roba ad illustrare all’Assessore Vera Nesci le peculiarità del progetto nel corso della riunione, presieduta da Gianni Rebaudo, che i Lions di Ventimiglia hanno organizzato giovedì scorso, alla presenza di numerosi soci. L’Assessore ha particolarmente apprezzato il progetto ed ha garantito la massima collaborazione da parte dell’Amministrazione comunale al fine di censire le persone che potranno fruire di questo Service, che i Lions  ventimigliese vedono come un ulteriore impegno a favore dei bisogni della comunità.