Il murales è un mare fatto al computer

Nuovo lavoro artistico per Mr Fijodor, che alle Vele d’Epoca ha dato spazio al suo talento proponendo anche in alcuni spazi di Imperia alcune opere realizzate appositamente per la città.

“Si tratta di un pirata, lo possiamo vedere con il suo uncino e il suo cappello solo che il suo mare è un mare fatto di computer. Infatti è un pirata informatico, me lo figuro come un moderno Robin Hood che ruba inevitabilmente ai ricchi per dare ai poveri. L’ho realizzato su più piani di legno per dare una sorta di tridimensionalità all’opera” – commenta così la sua opera Mr Fijodor Benzo.

Mrfijodor non è nuovo a disporre creazioni a Imperia, si possono infatti vedere suoi lavori in più zone della città, come il murales presente alla Gallita lungo la salita per andare a Villa Grock. Uno degli ultimi lavori è stata l’opera dedicata all’Amazzonia che si può ammirare da pochi giorni presso La Talpa e L’Orologio.

“Pensavo a una specie di divinità, in questo caso incarnata dal coccodrillo, che rappresentasse la natura  e che fosse attaccata in modo spietato dagli uomini. Uomini in cravatta che hanno il potere in mano e distruggono le cose belle. Questi uomini divorano in modo famelico l’animale. Spero che il messaggio riesca a passare: difendere la natura è molto importante”.

L’artista imperiese (che vive e lavora a Torino ringrazia Riccardo Ghigliazza, Marcella Roggero e i ragazzi della Talpa per averlo coinvolto e sostenuto nel progetto.