Medicina

E’ in atto una convenzione tra ASL 1 e il  National Blood Service (NBS) del Ghana, che prevede per i Medici del Ghana la possibilità ad effettuare periodi di tirocinio e di formazione  presso il Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale di Imperia. Questa collaborazione è nata grazie anche al supporto della Baldi Baldo Onlus, organizzazione non-governativa italiana, con finalità di educazione e di formazione anche in campo sanitario delle popolazioni in via di sviluppo,  che si è impegnata con il National Blood Service (NBS) a supportare per gli aspetti organizzativi ed economici la formazione dei medici che dal Ghana verranno in Italia per il training.

In virtù di questa convenzione, nello scorso mese di giugno la Dr.ssa Lucy Asamoha- Akuoko, Responsabile della Ricerca e Sviluppo del National Blood Service, è stata ospite per  due settimane presso il nostro servizio Trasfusionale di Imperia, per valutare insieme ai nostri specialisti le possibilità e le  modalità di training formativo.
La Dr.ssa  Lucy Asamoah-Akuoko ha prodotto un dettagliato report in cui sono stati evidenziati i campi di interesse del National Blood Service (NBS). Lo staff del NBS verrà quindi presso il nostro servizio per approfondire temi quali:

  • gli aspetti relativi alla organizzazione della raccolta sangue,
  • la tutela della salute dei donatori,
  • la gestione della informazione e della comunicazione al donatore,
  • la terapia trasfusionale,
  • l’aferesi produttiva e terapeutica.
Leggi anche:  Baudo e Rovazzi conduttori di Sanremo Giovani

Il primo medico ghanese giunto presso la nostra ASL lo scorso 23 settembre, ha appena concluso il suo periodo di training.
L’importanza di questa collaborazione è stata comunicata ed evidenziata in occasione di una cerimonia in cui il Direttore del National Blood Service del Ghana Dr.ssa Justina F. Ansah ha messo in  risalto l’importanza dal punto di vista sanitario di tale collaborazione, volta al miglioramento dei servizi offerti dal National Blood Service (NBS) sia ai donatori che ai pazienti e auspicando il proseguimento di tale collaborazione. Un progetto quindi volto all’acquisizione di competenze e buone pratiche, nonché una preziosa opportunità di scambio professionale e culturale anche per i nostri professionisti.