Certificazione antincendio

Tre sezioni dell’asilo di Villa Felomena, a Bordighera, per un totale di circa settantacinque bambini, saranno trasferite, da lunedì prossimo, nelle vicine scuole di via Pelloux, per la mancanza della certificazione di prevenzione incendi. Lo ha annunciato, nel pomeriggio, il sindaco della cittadina delle Palme, Vittorio Ingenito, nella sala Rossa del Palazzo del Parco, in un incontro pubblico aperto ai genitori dei piccoli alunni.

“Abbiamo organizzato tutto il trasferimento con soddisfazione, perché i bimbi troveranno i loro giochi e insegnanti e avranno dei bagni a loro dedicati – ha affermato il primo cittadino -. Il plesso è così vicino e siamo sereni, per il fatto che non ci sarà alcun trauma per loro. La scuola di Villa Felomena è priva del certificato di prevenzione incendi. Due settimane fa, quando ce ne siamo accorti con l’assessore Stefano Gnutti, abbiamo deciso di comprendere le ragioni e approfondito le carte. A nostro avviso non c’erano più le condizioni per lasciare i bambini all’interno di questo plesso ed abbiamo organizzato in maniera tempestiva il trasferimento”.

Leggi anche:  Imperia e Sanremo perdono il primario di ginecologia e ostetricia

Per due sezioni il trasferimento proseguirà anche il prossimo anno scolastico. “Per una sezione – ancora Ingenito – avremo la possibilità di intervenire, solo sul piano terra, adeguandolo alla normativa antincendi. Si tratta di interventi che dovevano essere realizzati in passato”. Il problema è dovuto alla presenza di solai in legno: “un particolare che richiede un tipo di intervento che – conclude il sindaco – ancorché progettato in passato, deve essere rivisto e richiede tempo per la realizzazione. A giugno 2017 i vigili del fuoco avevano espresso parere favorevole alla concessione di una deroga, subordinata a tredici condizioni: “a cui la precedente amministrazione, retta dal sindaco Giacomo Pallanca, non ha dato seguito preferendo dirottare tutte le somme già stanziate alla costruzione del nuovo plesso di via Napoli che non riuscirà a vedere la luce prima di tre anni”.

Leggi QUI le altre notizie