L’Italia con Mahmood ha seriamente sfiorato la vittoria ieri sera all’Eurovision Song Contest 2019 trasmesso in diretta dalla Rai da Tel Aviv, Israele, in ossequio alla tradizione che vuole che il paese ospitante sia quello da cui proviene il vincitore dell’edizione precedente. Nel 2018 era stata appunto l’israeliana Netta Bazilai a trionfare, mentre quest’anno la vittoria è andata a quello che alla vigilia veniva dato per favorito, Duncan Laurence, il portacolori dei Paesi Bassi, con il brano Arcade. Ma è stata una vittoria di misura, conquistata con 492 punti (tra voti delle giurie dei 26 paesi e il televoto aperto a oltre 40 nazioni). Al secondo posto Mahmood con uno scarto irrisorio, 27 punti, un’incollatura. Ma i suoi 465 punti sono bastati solo a staccare il concorrente della Russia, Sergey Lazarev, terzo con 369 punti. Nel 2020, dunque, l’Eurovision si terrà in Olanda.

Alessandro può consolarsi con il premio speciale per il miglior testo assegnatogli dalle altre delegazioni dell’Eurovision Song Contest.

Mahmood, che ha partecipato all’Eurovision in virtù della vittoria al Festival di Sanremo 2019 ha letteralmente fatto impazzire gli oltre 8mila spettatori tutti in piedi a intonare il suo pezzo Soldi, per l’occasione rivisitato con tre piccoli tagli, con  l’introduzine accorciata e la frase ‘sai già come va, come va, come va’ eliminata sia nella prima che nella seconda strofa.

Leggi anche:  Centinaia di degustazioni al Winearound 2019 di Vallecrosia

Su YouTube, la hit “Soldi” – vincitrice dell’ultimo Festival di Sanremo – ha già totalizzato 70 milioni di visualizzazioni, mentre il cantante di Gratosoglio Milano (madre sarda, papà egiziano) ha raggiunto il doppio disco di platino con oltre 100mila copie vendute.

Ecco la classifica finale dell’Eurovision Song Contest 2019:

1. Paesi Bassi

2. Italia

3. Russia

4. Svizzera

5. Norvegia

6. Svezia

7. Arzebaijan

8. Nord Macedonia

9. Australia

10. Islanda

11. Repubblica Ceca

12. Danimarca

13. Slovenia

14. Francia

15. Cipro

16. Malta

17. Serbia

18. Albania

19. Estonia

20. San Marino

21. Grecia

22. Spagna

23. Israele

24. Germania

25. Bielorussia

26. Regno Unito