Valorizzare i luoghi e i sentieri della Resistenza, con nuovi strumenti e progetti. È questo l’obiettivo della proposta di legge del Pd – a prima firma Luca Garibaldi – approdata questa mattina in Commissione III: un testo che modifica e amplia la legge regionale del 16 aprile 2004, che ha già ottenuto, in questa prima fase, un apprezzamento trasversale, grazie alla sottoscrizione della proposta da parte di consiglieri di maggioranza e minoranza.

La pdl punta ad aumentare le iniziative di Regione Liguria sulla Resistenza, riscoprendo e valorizzando, tra le altre cose, i luoghi del nostro territorio che sono stati teatro della lotta di Liberazione dal nazifascismo.

La proposta di legge per valorizzare la Resistenza

Le misure contenute nella proposta di legge vanno nella direzione di innovare e diversificare le iniziative di valorizzazione di questa memoria e si articolano su due direttrici distinte ma complementari. Da un lato valorizzare i luoghi fisici in cui si è svolta la Resistenza, grazie a progetti e interventi di recupero, restauro e riutilizzo di monumenti e siti simbolici, compresi sentieri e aree di particolare valore testimoniale e storico. La legge prevede proprio la costruzione, anno per anno, grazie all’aiuto degli Istituti Storici per la Resistenza, di un museo diffuso, con la riscoperta dei percorsi e dei siti più significativi della lotta Partigiana: una fruizione consapevole della memoria. Dall’altro mettere in campo iniziative e progetti per garantire una migliore fruizione dei documenti e delle testimonianze, attraverso strumenti innovativi, in modo da dare la possibilità di ricostruire e riconnettere le storie della Resistenza e di ricollegarle ai luoghi più sensibili e di forte interesse. Si tratta di strumenti per ricollegare la storia al territorio.

Leggi anche:  Ventimiglia: affidamento diretto alla ditta del padre del candidato

“Vista la buona accoglienza ricevuta questa mattina in Commissione – precisa Garibaldi – spero che la proposta di legga possa avere un percorso unitario, per consentire di rafforzare e innovare gli strumenti di conservazione della memoria e in particolare della Resistenza e della lotta partigiana nella nostra regione”.