Latte Alberti compie 70 anni: 150 invitati per una grande festa

L’azienda imperiese Latte Alberti ha raggiunto un traguardo invidiabile: oggi ha festeggiato i suoi 70 anni. La ricorrenza celebrata con una grande festa, a concirca 150 invitati, al ristorante La Lorenzina di Col di Nava (Pornassio). Attualmente il presidente della rinomata azienda è Alberto Alberti, che tiene le redini insieme ai figlio Matteo e Andrea. Alberto Alberti ricopre anche la carica di presidente di Confindustria Imperia. Al tavolo d’onore erano seduti, oltre ad Alberto e i vertici dell’azienda anche il sindaco Ardissone, di Pontedassio, dove c’è la sede della storica impresa. E poi Paolo Della Pietra, direttore di Confindustria ed il sindaco di Imperia Claudio Scajola. In un tavolo a prate, la terza generazione in azienda, Matteo Alberti con il nipote del sindaco di Imperia, asessore regionale all’urbanistica e coordinatore provinciale di forza Italia Marco Scajola, accompagnato dalla famiglia. A tavola, oltretutto, c’erano tutti i dipendenti dell’azienda.

Il menù del pranzo

I partecipanti hanno gustato, tra gli antipasti: astice alla catalana, Insalata di mare, zuppetta di fagioli bianchi con calamari e bottarga, magatello di vitello con salsa monferrina e tuorlo impanato e fritto su fonduta e tartufo nero. Sono poi stati serviti: gnocchi al nero di seppia con totanetti e pomodorini e ravioli del pin di coniglio. L’ultima portata principale è stata una tagliata di sottofiletto al barbaresco. A chiudere il pasto insalata di frutta con gelato alla crema e la “torta del Settantesimo”. La carta dei vini: Ormeasco Guglierame, Pigato Massaretti e Moscato cavalier Dario.

Una targa da Regione Liguria

I festeggiamenti si sono aperti con il saluto del sindaco Claudio Scajola che ha voluto ricordare il fondatore  dell’azienda e patriarca della dinastia, Giacomo Alberti, scomparso alcuni fa. Successivamente, a pranzo terminato, l’assessore Marco Scajola ha consegnato ad Alberto Alberti una targa della Regione, da parte del presidente della giunta Giovanni Toti.

Al termine della festa è stao consegnato un omaggio a tutti i presenti realizzato dall’artista imperiese Federica Porro.

 

Leggi anche:  Posteggi selvaggi a Ventimiglia, è boom di rimozioni

Gli inizi di Latte Alberti

L’azienda è stata fondata dal patriarca Giacomo Alberti nel 1948, quando il latte veniva ancora consegnato a domicilio dai lattai ed era necessaria la bollitura prima di consumare il prodotto. L’imprenditore progettò una caldaia a sansa che scaldava il latte a 70 gradi, ed un altro dispositivo artigianale per raffreddarlo subito dopo. In questa manier la carica batterica diminuiva e il latte si conservava meglio e più a lungo.  Il trasporto avveniva ancora con una vecchia fFiat, adattata ad autocarro in un’officina di Caramagna.

Il 1958, a dieci anni dalla nascita dell’azienda, segna il primo salto di qualità con il trasferimento dai locali di via Parini a uno stabile più ampio in via Foce, sempre a Imperia. Un passaggio fatto da Giacomo non senza preoccupazioni, insieme al fratello Quinto. provvidenziale l’incontro con i piemontesi fratelli Toia, che divennero soci di Alberti e fornirono le coperture finanziarie necessarie per un salto di qualità: Giacomo Alberti acquistò un terreno dove una volta sorgeva una ferriera per un grande stabilimento.

Lo stabilimento ad Aribaga e il boom

Alberti acquista i terreni di regione Aribaga e dopo aver convinto il Comune di Pontedassio a modificarne la destinazione d’uso da agricola in industriale e commerciale, nel 1972, senza più i due soci piemontesi, costruisce il nuovo stabilimento, ancora oggi pienamente funzionante.Negli anni ottanta, dopo essere stati pionieri del latte in bottiglie di vetro, Giacomo Alberti ed i suoi collaboratori si dedicano alle confezioni a perdere. Sempre in quegli anni Latte Alberti si espande nel savonese acquistando la centrale del latte di Albenga. Da un piccolo negozio destinato alla vendita dei prodotti Alberti si arriva alla distribuzione nei supermercati.

Gli ultimi anni

L’azienda è testimone dell’avvento del Tetrapack: una vera e propria rivoluzione nella conservazione del latte pastrorizzato. Oltretutto, dopo aver completato l’avanzata verso il vicino piemonte e il savonese, è tempo di allargarsi, con la costituzione di un centro logistico a Torino, al territorio nazionale. Nel 1998 arriva il prestigioso certificato Iso 9002 per l’eccellenza delle produzioni industtriali. Al giorno d’oggi Latte Alberti è un brand presente su tutto il territorio nazionale. Dal ponente ligure fino in Puglia, passando per centinaia di bar, ristoranti, pasticcerie e supermercati