La Città di Imperia diventa plastic free. Il sindaco Claudio Scajola ha infatti firmato l’ordinanza che prevede, a partire dal 1° dicembre 2019, l’obbligo per le attività economiche di distribuire ai clienti sacchetti monouso, cotton fioc, posate, piatti e bicchieri esclusivamente in materiale biodegradabile e compostabile. Tale obbligo si applica anche in occasione di feste pubbliche e sagre, nonché per i distributori automatici di bevande.

Imperia diventa plastic free, firmata l’ordinanza

La scelta dell’Amministrazione imperiese anticipa di due anni quanto già deciso dal Parlamento Europeo, che ha approvato una Risoluzione sulla riduzione dell’incidenza sull’ambiente di determinanti prodotti di plastica a partire dal 2021.

La firma dell’ordinanza da parte del sindaco Scajola è stata preceduta da un confronto in Consiglio Comunale e da una fase di coinvolgimento delle Commissioni Comunali e delle associazioni di categoria, le quali hanno espresso parere favorevole in merito all’applicazione di misure finalizzate alla riduzione degli sprechi e alla eliminazione di prodotti in plastica monouso.

“In questo primo anno di Amministrazione abbiamo dedicato un’attenzione particolare ai temi ambientali, facendo la scelta della raccolta porta a porta, che oggi ci permette di differenziare oltre il 76% dei rifiuti prodotti – commenta il sindaco Claudio Scajola -. La scelta sulla plastica monouso ci permetterà di avere maggiore pulizia, maggiore decoro e maggiore tutela del nostro territorio. Sono lieto che l’iniziativa abbia trovato consenso nelle categorie economiche. È il segno che l’intera Città si sente parte di un importante obiettivo comune”.

Leggi anche:  Minacce e insulti all'arbitro: scatta il Daspo di un anno