Non dormono sonni tranquilli le tre famiglie che abitano al civico 214 di Via Galileo Galilei. Da troppi anni ormai, la loro casa, è in balia del torrente San Romolo. A farsi portavoce della grave situazione in cui si trovano da poco meno di 30 anni sono Sergio e Antonella Camia e Giuseppe Avellino. L’immobile, costruito negli anni ‘50 dal papà del signor Sergio poggia le proprie fondamenta proprio a ridosso del San Romolo. Siamo a due passi dall’uscita dell’Aurelia Bis del Borgo e a pochi metri dalla Scuola elementare. “Da anni ormai il torrente sta erodendo la roccia su cui è costruita la nostra casa”. L’intervista completa sul settimanale La Riviera da oggi in edicola.