Ultimo atto per l’edizione 2018 de Il Tea con l’Autore che giovedì (ore 17:00, Biblioteca Comunale Alfea Possavino) presenta lo scrittore genovese Eugenio Gardella.

Eugenio Gardella al Tea con l’Autore

Classe 1969, da bambino Gardella si innamora della lettura e inizia a scrivere. Ama anche i sentieri di montagna, i fuochi da campo fra gli alberi, e le salite lungo i fianchi dei monti. A quattordici anni scopre l’arrampicata libera. Il conflitto con il servizio militare rafforza la sua predisposizione libertaria e lo spinge verso un’esplorazione poetica della realtà. Si laurea come Educatore Professionale e lavora in ambito sociale. Nell’autunno del 2006 sceglie di adottare e parte per la Cambogia dove diviene padre di Mario, un bimbo di tredici mesi. Nel 2007 nasce Elena sua figlia. Nel 2012 incontra Officina Letteraria, una scuola di scrittura creativa, e scrive un romanzo che racconta dell’arrivo dei suoi figli.

Sei sempre stato qui

Al Tea con l’Autore presenterà “Sei sempre stato qui”, romanzo, nato dai taccuini di viaggio durante il viaggio in Cambogia. Una storia forte e coinvolgente di paternità e adozione, che porta, in capo al mondo, fino a un figlio fortemente voluto e cercato. “Sei Sempre stato qui” è un cammino dentro di sé e nel mondo, verso la genitorialità e verso la vita di una coppia che tenta di reggere il peso di un figlio che non arriva, ma nonostante tutto non si arrende.

Leggi anche:  Giornata del Ribasso domenica a Bordighera: tutte le modifiche alla viabilità

La montagna, di cui Gardella è appassionato, appare come metafora della vita: una via bellissima ma colma di ostacoli da superare ed obiettivi da raggiungere, per giungere alla vetta e gioire del traguardo. Una vicenda individuale che grazie alla forza della letteratura diventa universale, una singola voce, voce di un uomo, voce di un padre, che si fa coro di una moltitudine di donne e di uomini, della loro volontà di essere famiglia, di donarsi, di amare.

Tea con l’Autore

Il Tea con l’Autore – scrittori e poeti, famosi e meno noti, che si alternano per presentarsi e per presentare i propri lavori, intorno ad una piccola ma raffinata merenda – è organizzato dal Centro Sociale Incontro, con la collaborazione dell’Ufficio IAT e sotto l’egida dell’Assessorato alla Cultura del Comune di San Bartolomeo, con il coordinamento di Viviana Spada, giornalista.