Declassamento di Gastroenterologia: lo sgomento di Forza Nuova

Declassamento di Gastroenterologia: lo sgomento di Forza Nuova

Anche Forza Nuova interviene sul declassamento di gastroenterologia deciso dall’Assessore regionale Sonia Viale

Grazie Genova!!

I Sanremaschi non hanno mai nutrito grande amore per i Genovesi in ragione del fatto che presero a cannonate la Città per sedare la rivolta: i cannoni detti di Santa Tecla erano rivolti contro Sanremo e non verso il mare!! – scrive Forza Nuova Sanremo –  Non è un segreto che la Liguria sia GENOVA e il resto tanti saluti.

Oggi questo disamore sarà ancor rafforzato dalle ultime decisioni in materia di sanità dei nostri amministratori “della Lanterna”.

Sul declassamento  di Chirurgia Vascolare ad Imperia, siamo certi che interverrà ben più incisivamente, che con un semplice comunicato, il Sindaco Scajola che, dobbiamo ammetterlo, se è necessario tirare un pugno (figurato) sul tavolo, lo tira.  Nel nostro piccolo, non potendo andare oltre la protesta verbale, vorremmo gridare alla vergogna per il declassamento di Gastroenterologia a Sanremo.

Certamente l’Assessore Viale potrebbe sciorinarci un’infinita stesa di numeri, costi ed amenità che noi non conosciamo e che le daranno sicuramente ragione, ma il nostro pensiero è solo uno: LE PERSONE NON SONO SOLO NUMERI!!

Le persone sono padri, madri, fratelli, sorelle, nonni, malati o che hanno dei cari malati e abbiamo la fortuna di avere presso il nostro ospedale un reparto quasi miracoloso, un reparto dove il Dott. Massimo Conio e il suo staff compiono vere e proprie magie. E sul nostro Vice Gianni Calvi la magia l’hanno fatta due volte. Quindi constatato che funziona benissimo lo declassiamo così costa meno.

Decreti Balduzzi o decreti Battifibbia tutto ciò avrà solo ripercussioni negative sull’utenza, cioè sui malati.

L’Assessore Viale si è occupata con la stessa solerzia dell’astanteria del Civico Ospedale G.Borea?

Un encomio solenne andrebbe indirizzato a tutti gli Operatori che colà intervengono ma, nonostante i loro sforzi, spessissimo, il reparto pare un girone dantesco o, a noi è sovvenuta questa immagine, un ospedale da campo della Guerra di Secessione Americana. L’Assessore Regionale alla sanità, esclude assolutamente che si tratti di una vendetta politica poichè il Dott. Massimo Conio era candidato nelle liste dei 5Stelle.  

Non sarà che, come recita un vecchio adagio: LA PRIMA GALLINA CHE CANTA E’ QUELLA CHE HA FATTO L’UOVO?

Grazie Genova”