Si è svolto oggi, 17 giugno, nella sala consiliare del Comune di Santo Stefano al Mare (Imperia) il primo dei due incontri sul progetto INTENSE (programma INTERREG Italia Francia Marittimo 2014-2020), che ha come obiettivo la creazione e promozione di itinerari turistici sostenibili in Liguria

Il progetto unisce tre regioni italiane con Corsica e Paca francese

Il progetto unisce 14 partner di 5 Regioni, Toscana, Corsica, PACA, Liguria e Sardegna: una rete di amministrazioni locali e soggetti deputati alla promozione del territorio, che intendono attuare azioni congiunte.

Regione Liguria, nell’ambito di INTENSE, identifica e promuove collegamenti da percorrere a piedi, in bicicletta, e in altre forme “slow”, sostenibili, tra il Sentiero Liguria e i borghi storici, contribuendo a tracciare l’itinerario transfrontaliero del progetto.
Ad ANCI Liguria, per conto di Regione Toscana e ANCI Toscana, e in collaborazione con Regione Liguria e Parco Montemarcello-Magra, spetta l’organizzazione di gruppi di lavoro sul territorio per definire la governance dell’itinerario ciclo-turistico ed escursionistico che valorizzi il patrimonio naturale-culturale della regione.

Alla riunione odierna hanno partecipato amministrazioni pubbliche locali; soggetti che si occupano di promozione turistica del territorio; associazioni sportive – in modo particolare del mondo dell’escursionismo e del cicloturismo; ristoratori; albergatori; guide e tour operator; imprese, associazioni per la tutela e la valorizzazione del patrimonio ambientale, artistico e culturale locale; associazioni di categoria e soggetti di rappresentanza.

Berrino: “Opportunità per costruire un prodotto turistico dedicato”

«Un progetto molto interessante che collega alcuni dei borghi molto belli della nostra costa e del nostro entroterra con il Sentiero Liguria, la dorsale che dal confine con la Francia si estende fino alla Toscana – afferma l’assessore al Turismo di Regione Liguria Gianni Berrino, presente all’incontro – una ulteriore opportunità per costruire un prodotto turistico dedicato, ed eventualmente dei pacchetti, per attrarre i turisti che amano camminare e andare in bicicletta anche al di fuori del periodo della stagione balneare».

Leggi anche:  Tutta la Magia del Natale in Valle D’Aosta. E c’è anche un’App

Pierluigi Vinai (Anci): “Bretelle che colleghino comuni tagliati fuori dal Sentiero Liguria”

«In Liguria, Regione ha scelto di operare sulla rete escursionistica e realizzare delle bretelle che colleghino alcuni Comuni tagliati fuori dal Sentiero Liguria al Sentiero stesso – afferma il direttore generale di ANCI Liguria Pierluigi Vinai – Quello che abbiamo fatto oggi a Santo Stefano, e che replicheremo il 26 giugno a Castelnuovo Magra, è stato riunire al tavolo tutti gli attori considerati rilevanti per il territorio, dunque non solo le amministrazioni locali ma anche Gal, Parchi, associazioni culturali, di albergatori e strutture ricettive, cooperative, portatori d’interesse, affinché facciano sistema e si compia quel significativo passo in avanti nella valorizzazione del patrimonio naturalistico. Per noi è importante comunicare bene il progetto per far sì che gli operatori turistici si attrezzino meglio e le amministrazioni civiche possano mantenere meglio il territorio, grazie a quegli strumenti e risorse che il progetto prevede, ad esempio, per la manutenzione delle strade e della relativa cartellonistica».

Il sindaco di Placido: “Un’opportunità per uscire fuori dal nostro ombelico”

«Un plauso ad ANCI e Regione Liguria per questa bella iniziativa congiunta che sprona anche noi amministratori locali a far del nostro meglio per valorizzare le bellezze dei nostri luoghi in ottica sostenibile – afferma il Sindaco di Santo Stefano al Mare Elio Di Placido – sembra banale ma molto spesso la difficoltà maggiore sta proprio nel riuscire tutti insieme, con gli attori rilevanti, a ritrovarsi. Queste opportunità ci permettono di uscire fuori dal nostro ombelico, trovare soluzioni condivise e aprirci al mondo, per rendere il nostro territorio, che non è solo mare ma anche monti, attrattivo a 360 gradi».