Addio contante ? Sempre più pagamenti con carte di credito e bancomat in provincia di Imperia. I dati di Confartigianato: in Liguria, così come in Italia, i Pos hanno registrato un vero e proprio boom nell’ultimo triennio.

Addio contante : nel Ponente si paga sempre più spesso con bancomat o carte di credito

I liguri preferiscono pagare col bancomat e sempre meno persone si presentano con denaro contate alla cassa di supermercati e negozi. Nella nostra regione sono quasi 67 mila i terminali: 66.636 Pos in Liguria, uno ogni 24 abitanti:  sono aumentati di oltre 20.600 unità dal 2010. È quanto rende noto l’Ufficio studi Confartigianato su dati Banca D’Italia.

La provincia di Imperia ne conta 9.932 (1 ogni 22 abitanti, crescita del 12,8%)

Una crescita determinata in prospettiva anche dal fatto che, dal primo gennaio di quest’anno, per qualsiasi transazione commerciale (anche per importi inferiori a 5 euro), artigiani, liberi professionisti, imprese ed esercenti del commercio hanno l’obbligo di munirsi di Pos per consentire i pagamenti tramite bancomat. Con la Legge di bilancio 2018 entra in vigore anche la norma sulle sanzioni per chi viola l’obbligo di dotarsi di lettori di moneta elettronica: un provvedimento che punta ad accelerare ulteriormente la diffusione e utilizzo della moneta elettronica, cresciuto vertiginosamente nell’ultimo triennio.

Leggi anche:  Sanremo: 3 detenuti tentato di scatenare rivolta in carcere

Il commento di Grasso, presidente di Confartigianato Liguria

«La moneta elettronica sta inevitabilmente subentrando a quella cartacea, favorita anche dalle nuove tecnologie, con un vantaggio di praticità per i consumatori. – commenta Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – Ma non possiamo dire altrettanto per le nostre micro imprese: fino a quando in Italia non saranno abbattuti i costi complessivi delle transazioni, questo servizio rappresenta al momento un ulteriore aggravio da sostenere, per giunta in presenza di ricavi contenuti».