Giuliano Sperandio, lo Chef originario del dianese recentemente premiato ai World Restaurant Awards con il ristorante Le Clarence a Parigi, sarà uno dei principali protagonisti di Aromatica 2019 (Diano Marina, IM, dal 25 al 28 aprile).

Allo chef dianese Giuliano Sperandio il premio Aromatica 2019

Giuliano Sperandio è uno chef riservato, attento al dettaglio e amante della materia prima. Cultore della semplicità e dell’equilibrio, proporrà il suo pensiero di cucina ad Aromatica domenica 28 aprile, sia durante uno show cooking che alla cena a 4 mani con Roberto Rollino al ristorante La Femme. Lo stesso giorno, Giuliano Sperandio riceverà il Premio Aromatica, che l’Amministrazione Comunale di Diano Marina ha deciso di conferirgli. Un riconoscimento che premia l’attaccamento al territorio che Sperandio manifesta tanto nel suo lavoro che nel quotidiano.

Gli altri chef

Oltre a Sperandio, enfant du pays che tutto il dianese abbraccerà con passione, Aromatica proporrà anche altri Chef straordinari, tra cui Tano Simonato, Chef e patron del ristorante Tano passami l’olio, che torna a Aromatica dopo lo straordinario successo dello scorso anno, e Marcello Trentin, eclettico Chef del ristorante Magorabin a Torino e comunicatore innato dalla personalità travolgente.

Tano Simonato, stellato Michelin dal 2008, miglior tavola dell’anno per la Guida Critica&Golosa 2015 di Paolo Massobrio e Marco Gatti, miglior ristorante al mondo per A.I.R.O. 2016, è un cultore delle straordinarie qualità dell’olio extra vergine di oliva.

Marcello Trentin, premiato dalla Federazione Italiana Cuochi (Fic) con il titolo di “Ambasciatore della cucina italiana, due forchette del Gambero Rosso, stellato dal 2015, vicepresidente dei JRE Italia, è un artista vero, un anarchico autodidatta e rigoroso.

La rassegna Aromatica

“Aromatica, profumi e sapori della Riviera Ligure” è la grande rassegna dedicata a basilico, erbe aromatiche, prodotti tipici ed eccellenze dell’agroalimentare e dell’enogastronomia, che – riproposta nel 2018 dopo un lungo periodo di silenzio – ha riscosso un notevolissimo successo. Il cuore pulsante sarà ancora l’accogliente centro pedonale di Diano Marina (piazza Martiri della Libertà e vie limitrofe), che ospiterà stand dei produttori (ad oggi già oltre 50 le adesioni), show cooking, laboratori, un’area dedicata allo street food di qualità, conferenze, presentazione di libri ed altro ancora. Non mancherà un rilevante momento culturale e istituzionale, con autorità ed esperti a confronto durante il convegno “Le eccellenze di un territorio motore del turismo lento”, per celebrare anche nel ponente ligure l’anno nazionale dello slow travel.

Leggi anche:  Albergatore accoltellato da un rapinatore per difendere la figlia

Aromatica prevede un ricco programma di iniziative collaterali (escursioni e visite guidate alla scoperta dei borghi più caratteristici del comprensorio, trenino del Golfo, spettacoli di intrattenimento, menù a tema nei ristoranti, concorso di cocktail nei bar, vetrine a tema) che coinvolgerà anche gli altri Comuni del Golfo Dianese e le attività commerciali. Attesi circa 100.000 visitatori nei quattro giorni. Il programma verrà svelato nei prossimi giorni, sul sito www.aromaticadianese.ite sui canali social ufficiali.

“Radici nell’entroterra”

“Aromatica cresce, cerchiamo di darle fiato, ci impegniamo affinché succeda – afferma il Sindaco, On. Giacomo Chiappori -. E’ una bella manifestazione che fa parte di quel filone turistico-gastronomico che fa bene alla nostra economia, si sposa con l’entroterra, dove i liguri hanno le proprie radici. Aromatica è un bel cognome, solo dicendolo si sentono nel naso gli aromi di Liguria, profuma di rosmarino, di alloro, di tutte le piante spontanee della macchia mediterranea che caratterizzano la nostra terra. Le esporremo e le assaggeremo ad Aromatica, insieme alle nostre gocce d’oro, frutto della pianta, l’ulivo, che ci contraddistingue come liguri”.