Vespa velutina

E’ allarme vespa velutina, a Vallecrosia, dopo lo choc anafilattico provocato a un residente, punto da un esemplare della famigerata vespa, il quale ha trascorso due giorni in coma farmacologico rischiando di morire. In città e nel suo circondario sono stati recensiti una quarantina di nidi di grosse dimensioni e il Comune – con il Dipartimento di Scienze agrarie, forestali e alimentari dell’Università di Torino –  ha organizzato pubblico, in programma lunedì 8 aprile, dalle 19, nella sala polivalente Natta, per informare la popolazione sui rischi del temibile insetto. I nidi sono stati individuati  nelle zone limitrofe al torrente Verbone e la polizia municipale di Vallecrosia si è subito attività con la Protezione Civile di Ospedaletti, l’unica dotata delle apparecchiature necessarie per la loro distruzione.

Leggi QUI le altre notizie