Grande partecipazione all’edizione estiva del C.A.G “Stazione Centro”

Il centro di aggregazione giovanile, situato presso le ex caserme Revelli a Levà, è uno spazio dedicato a tutti i
giovani in età compresa tra gli 11 e i 26 anni, in cui

Oltre ai tradizionali ping-pong, calcetto e
biliardo, al Centro è possibile utilizzare una bellissima sala musica.
Tutte le attrezzature e le attività sono completamente gratuite. L’apertura del centro durante i mesi
estivi, dal 1 luglio al 30 agosto 2019, ha consentito di dare continuità al lavoro educativo rivolto ai
giovani, in un periodo in cui vengono a mancare i loro punti di riferimento abituali. I giovani hanno
partecipato numerosi e con grande entusiasmo, assumendo un ruolo da protagonisti nella
progettazione e nella realizzazione delle varie attività, supportati dall’equipe educativa composta da
due educatori e tre ragazze in Servizio Civile. Due pomeriggi a settimana sono stati dedicati alle attività laboratoriali: un laboratorio di avvicinamento alla musica “si cambia musica” e un laboratorio di fotografia. Grazie al contributo dei volontari in Servizio Civile è stato realizzato un volantino per promuovere le attività estive, divulgato
dagli stessi giovani del Centro sul territorio di Arma di Taggia.

Leggi anche:  Festa della Città, attenzioni ai divieti il 7 settembre

Un momento per confrontarsi e imparare a relazionarsi

Durante le aperture serali a tema, altro elemento di novità, sono state proposte diverse attività tre le
quali tornei di calcetto e aperture interamente dedicate ai giochi di società. Uscite organizzate, spazi
di discussione, momenti dedicati allo sport, collaborazioni con realtà esterne che hanno contribuito
ad arricchire le occasioni di condivisione, una su tutte quella con l’organizzazione B.A.C.A (Bikers
Against Child Abuse), sono stati gli ingredienti principali dello spazio estivo.
Per molti giovani il Centro non rappresenta esclusivamente un luogo in cui recarsi per giocare, bensì
un ambiente protetto in cui sperimentarsi nella relazione con l’altro, costruire relazioni significative,
confrontarsi sui temi che li coinvolgono da vicino in un delicato momento di vita come quello
dell’adolescenza e dare libero sfogo ai propri pensieri e alla propria creatività.

Tutti i giovani hanno lasciato le loro frasi sul Quaderno del Centro. Messaggi di grande partecipazione e di buon auspicio per i prossimi che arriveranno al Centro.