Sono 189, fra docenti e alunni, i partecipanti al Concorso nazionale per le scuole alberghiere che si svolge fino a giovedì all’istituto Ruffini-Aicardi di Arma di Taggia.

Tutto pronto per la gara degli istituti alberghieri

A partecipare, i migliori alunni di 34 istituti sparsi sulla penisola. Sicilia e Veneto fanno la parte del leone. Dall’isola ci sono rappresentanze del Karol Wojtyla di Catania, Rocco Chinnici di Nicolosi (Catania) Giovanni Falcone di Giarre (Catania), Calogero Amato Vetrano di Sciacca (Agrigento).

Tutti della provincia di Treviso i tre istituti veneti partecipanti: il Giuseppe Maffioli di Castelfranco Veneto, il Beltrame di Vittorio Veneto e il Massimo Alberini di Lancenigo di Villorba (Treviso).

Due le scuole di Roma.

Un viaggio molto lungo anche per allievi e professori dell’Ettore Majorana di Bari, o il Bonardo Stringher di Udine, il Villa Santa Maria di Chieti, il Domenico Alberto Azuini di Cagliari e l’alberghiero di Sassari.

La Liguria è in lizza con il Nino Bergese di Genova e il Giancardi-Galilei-Aicardi di Alassio.

Per l’alberghiero armese sono stati, e sono giorni, di intenso lavoro. “Abbiamo finora operato al meglio delle nostre possibilità – osserva il preside, professor Giuseppe Monticone – cercando di rendere il più possibile agevole i soggiorno degli studenti e dei loro insegnanti. Onorati di ospitare una manifestazione di questo livello che mette in evidenza le eccellenze degli alberghieri italiani”.

L’alberghiero Ruffini-Aicardi è stato chiamato ad organizzare l’edizione del concorso del 2018 perché l’anno scorso la gara di Cucina, in Puglia, venne vinta da una sua allieva, Nicole Di Michele. Per la cronaca il secondo successo in quattro edizioni per la scuola armese che si conferma sempre più come una delle più blasonate d’Italia.

Leggi anche:  Tabaccai e totoricevitori in piazza: "il Comune ci ascolti, l'ordinanza mette a rischio i giocatori"

Il programma di oggi e domani

Oggi alle 18:30 briefing e aperitivo di benvenuto al Palafiori di Sanremo. Domani iniziano le prime gare. Tutti quelli non in gara, e i docenti, visiteranno invece Taggia. Saranno accolti con una ambientazione storica a cura del Comitato festeggiamenti San Benedetto. Alcune guide accompagnerà poi la comitiva per il centro storico. Ci sarà poi una degustazione di prodotti tipici al convento dei Domenicani di Taggia. Nel chiostro ben dodici Pro Loco della Valle Argentina e comuni limitrofi presenteranno specialità del territorio in aggiunta a una degustazione di vini liguri. In evidenza anche l’olio dell’oliva taggiasca. Infine il Consorzio Valle Argentina presenterà prodotti dell’artigianato locale.

Il programma di mercoledì

Mercoledì altre gare mentre adulti e ragazzi liberi da impegni saranno a Montecarlo. Giovedì ultimo giorno di gare al mattino e visite a Sanremo compresa la Città vecchia. In questo caso a cura della sezione tecnico-turistica del Ruffini-Aicardi. “Faremo conoscere la città – spiega il professor Alberto Cavallucci – dopo aver prelevato in albergo i nostri ospiti avvalendoci dell’esperienza specifica delle colleghe Monica Viglietti, Maria Cosentino ed Enza Sommella”.