Ci sarebbe un tragico incidente alla base della morte la notte scorsa di Rafael Baroni, il 19enne calciatore dell’Imperia trovato esanime lungo la scogliera tra Laigueglia e Andora. Rafael avrebbe cercato di entrare in discoteca, ad Andora, risalendo dagli scogli dopo che non gli era stato consentito l’ingresso dagli addetti alla security per motivi non ancora chiariti. Una caduta da quaranta metri secondo le indiscrezioni trapelate in serata.

Baroni, che aveva fatto tutta la trafila delle giovanili nell’Imperia, è figlio di Paolo, rappresentante di commercio di Imperia, e di Angela, infermiera caposala all’ospedale di Imperia. Lascia anche un fratello, Anderson, anch’egli ex calciatore dell’Imperia, studente dell’Istituto Alberghiero di Arma di Taggia. Era stata la mamma Angela a dare l’allarme non vedendolo rientrare. Le ricerche si sono protratte fino alle 20 di questa sera, quando il corpo esanime è stato rinvenuto nei pressi della scogliera a ridosso della nota discoteca andorese.

Quando la drammatica notizia è stata confermata e i dubbi ai quali ci si era aggrappati nelle ultime ore sono svaniti, sono state decine i messaggi di cordoglio per la scomparsa di un ragazzo solare, scherzoso e sempre di buon umore, a cominciare dal suo ultimo allenatore Massimo Casella.