Il presidente della Provincia di La Spezia e sindaco del capoluogo Pierluigi Peracchini è stato eletto oggi coordinatore delle Province liguri e, come tale, designato componente della direzione nazionale dell’UPI, Unione delle Province d’Italia.

(nella foto Peracchini con l’uscente Oliveri e il presidente della Provincia di Imperia Domenico Abbo)

Peracchini: “Province ignorate dalle istituzioni”

«In questo momento di difficoltà delle Province, ignorate dalle istituzioni nazionali, il nostro impegno sarà massimo per cercare di recuperarne la funzionalità e migliorare i servizi ai cittadini – afferma il neo coordinatore di UPI Liguria Pierluigi Peracchini – Raggiungeremo gli obiettivi con un buon lavoro di squadra. Ringrazio i presidenti Natta e Olivieri che mi hanno preceduto e insieme agli altri presidenti continueremo a lavorare insieme per restituire centralità all’ente Provincia».

 

«Congratulazioni al neo coordinatore di UPI Liguria – afferma il coordinatore uscente Pierangelo Olivieri, presidente della Provincia di Savona e sindaco di Calizzano – Siamo piccoli in UPI, ma anche i piccoli possono raggiungere posizioni importanti, e credo che la Liguria si sia guadagnata in questi anni un ruolo importante e spesso decisivo nelle scelte a livello nazionale. Sono sicuro che il collega Peracchini, eletto in un’ottica di lavoro congiunto e tenendo conto degli equilibri politici, saprà portare avanti le istanze delle autonomie locali e rappresentare degnamente l’intera comunità delle aree vaste liguri».

Leggi anche:  In bicicletta sull'A10: fermato allo svincolo di Bordighera. Video

Il presidente della provincia di Imperia Abbo: “Decisione unitaria”

«È stata una decisione unitaria e condivisa da tutti – commenta il presidente della Provincia di Imperia Domenico Abbo, sindaco di Lucinasco – il mandato che ci siamo dati è la necessità di una rappresentanza univoca di secondo livello dell’intero territorio regionale e dei Comuni che lo popolano, anche in previsione di eventuali futuri tagli alle risorse, preoccupazione che al momento non ci sfiora: siamo numericamente deboli rispetto alle altre Province italiane, ma spesso la Liguria è stata determinante a livello nazionale».