Dopo aver premiato con una maglia celebrativa le 170 presenze del difensore nerazzurro Fabio Laera, congedatosi dall’Imperia per un’esperienza lavorativa all’estero,
si è osservato un minuto di silenzio per la recente scomparsa del direttore di gara Raffaele Astorino. La partita tra Imperia e Finale ha visto un primo tempo
molto bloccato e combattuto specialmente a centrocampo dove entrambi le formazioni hanno trovato difficoltà a creare azioni pericolose.

Cronaca Imperia – Finale: primo tempo

Il primo tiro, per i nerazzurri, arriva dai piedi di Costantini al 18′ che spara però alle stelle. Al 34′ un altro tiro di Costantini su punizione si infrange sul palo ma sulla ribattuta si fa trovare pronto Castagna che ribadisce in rete. Al 41′ risponde il Finale con Vallerga che di testa impegna Trucco che si supera con un grandissimo colpo di reni riuscendo a
deviare la conclusione sopra la traversa.

2° tempo

Nella ripresa l’Imperia entra in campo molto determinata e aggressiva tanto da creare subito due azioni da gol in pochi minuti, la prima occasione arriva sui piedi di
Castagna al 46′ che, dopo un passaggio di prima di Costantini, si trova a tu per tu con Porta che però riesce a neutralizzare la conclusione con i piedi. La seconda
occasione al 48′ è sui piedi di Giglio imbeccato da un passaggio di Faedo liberandolo al tiro che però finisce alto sopra la traversa. Al 56′ ancora Castagna a far
tremare l’estremo difensore finalese con una conclusione molto pericolosa dopo un lancio a filtrare di Giglio, anche questa volta è bravo Porta a deviare la conclusione
in calcio d’angolo. Al 73′ raddoppia per l’Imperia Martelli che sfrutta un indecisione della retroguardia del Finale per inserirsi in mezzo ai due difensori centrali
per poi concludere sotto le gambe di Porta. Al 75′ prova anche Faedo a chiudere la partita con un bellissimo tiro a giro sul secondo palo dalla fascia sinistra ma il suo
tiro esce di pochissimo a lato.

Leggi anche:  Coppa Italia Eccellenza, le ragazze del Don Bosco sconfitte dal Vado

Intervista a Fabio Laera