Arma da fuoco

Un cinquantenne, con problemi psichici, che il 7 agosto scorso, armato di una pistola Walther P.38 calibro 9, irregolarmente detenuta, ha esploso almeno due colpi di arma da fuoco, nel bosco, nel territorio comunale di Montalto Carpasio in alta Valle Argentina, è stato arrestato dai carabinieri con le accuse di detenzione di armi e ricettazione.

Tutto ha avuto inizio quando i militari della stazione di Badalucco, in località Poggio di Maro, sentono due colpi di arma da fuoco, sparati in rapida successione. In lontananza scorgono la sagoma di un uomo, apparentemente in stato di alterazione, che si allontana per chiudersi in una struttura prefabbricata, a circa cento metri dalla quale rinvengono due bossoli calibro 9.

Chiamati i rinforzi dalla compagnia di Sanremo, i militari, nel dirigersi verso il capanno notano sulla strada una persona sdraiata, a torso nudo, in stato confusionale, in possesso di una mannaia, lasciata a pochi centimetri dal corpo. I carabinieri lo immobilizzano e lui non oppone resistenza. Vicino al prefabbricato, in una scatola metallica, recuperano la pistola, con caricatore e quattro munizioni. L’uomo viene arrestato e ricoverato in psichiatria all’ospedale di Imperia, dove è sorvegliato dai carabinieri. Nel frattempo, il giudice ha convalidato l’arresto.

Leggi anche:  Spacca il setto nasale a un amico e poi, ubriaco, si scaglia contro le forze dell'ordine

Leggi QUI le altre notizie