Black out idrico nel Golfo dianese

In migliaia senz’acqua per una tubatura esplosa

Sono almeno ventimila, ma forse anche di più gli abitanti del Golfo Dianese, rimasti senz’acqua, a causa dell’esplosione di una condotta adduttrice dell’acquedotto Roja Bis, avvenuta alla foce del torrente Impero, a Imperia. Tubatura, che in quel tratto è curata dall’Amat, la partecipata del Comune di Imperia che gestisce il pubblico acquedotto.

Il disservizio ha interessato tutti i comuni

Il disservizio ha interessato prima il Comune di Diano Marina, che da solo fa circa quindicimila abitanti, poi a distanza di qualche ora anche San Bartolomeo al mare, Cervo, fino ad Andora, in provincia di Savona, parte del cui comune è servita dal Roja. A Diano Marina, in particolare, l’Amaie ha consegnato novemila litri di acqua e gli abitanti si stanno rifornendo con delle taniche.

Non è ancora possibile stabilire, quando potrà essere ripristinato il servizio. resta il fatto che l’erogazione avverrà gradatamente: con acqua opalescente. “Il servizio non sarà ripristinato prima della tarda serata – annuncia l’ingegnere di Rivieracqua – Valerio Chiarelli -. Per il momento abbiamo attivato un servizio di autobotti ausiliario, per limitare il disagio”.