Cavalieri e amazzoni provenienti da 22 paesi (persino dal Madagascar) a Sanremo per i due concorsi internazionali organizzati al campo Solaro.

Il top dell’ippica mondiale al Solaro di Sanremo

I due concorsi internazionali sono organizzati dalla Società Ippica Sanremo. “Nel primo sono impegnati 240 cavalli e duecento fra cavalieri e amazzoni” sottolineano dall’Ippica Sanremo. “Per la seconda gara sono invece pervenute ben trecento richieste di iscrizioni. Stiamo correndo contro il tempo per realizzare nuovi box in modo da accogliere il maggior numero di concorrenti possibile”.

Fra gli italiani spicca il nome di Natale Chiaudani. Uno dei migliori degli ultimi lustri, sei volte medaglia d’oro e quattro d’argento in Coppa delle Nazioni e già alle Olimpiadi.

Ancora, Marco Pellegrino (che ha vinto il Gran Premio l’anno scorso); il figlio d’arte Filippo Bologni e Massimo Grossato. Azzurri che dovranno vedersela con un’agguerrita pattuglia straniera, specie con svizzeri e irlandesi.

Nella seconda “tre giorni” ci sarà, come “chef de piste”, vale a dire il disegnatore dei percorsi, Uliano Vezzani, il numero uno al mondo (ha anche fatto le Olimpiadi).

Leggi anche:  Trofeo Paolo Iorio di Taggia ai pulcini del Ventimiglia Calcio

Per la Società ippica Sanremo sono impegnati Caterina Bruno, Camilla e Carolina Massaglia, Chloe Bertolini, Felipe e André Nagata, Ludovica Marelli, Katarina Repetto, Leo Ballestra e Melissa Van Pelt.
Non ci sarà l’idolo di casa, il giovane e talentuoso Matteo Soleri, impegnato con gli esami di maturità al liceo scientifico.

“Un concorso – spiega la storica presidente della Società Ippica Sanremo, Maria Grazia Valle Valenzano Menada – che ogni anno riserva gare di alto livello, spettacolari e incerte. Partecipano anche molti nostri ragazzi che hanno così la possibilità di crescere e migliorare in un contesto molto qualificato”.