Atleti e tecnici dello Judo Club Ventimiglia impegnati su due importantissimi fronti agonistici sabato 10 marzo. L’atleta Maruska Iamundo, seguita in gara dal Coach Antonella Iannucci, ha partecipato alla Senior European Judo Cup a Zurich-Uster (Svizzera), mentre i suoi compagni di squadra Riccardo Pappalardo e Lorenzo Padova, seguiti dal Maestro Rocco Iannucci, hanno preso parte al Torneo Internazionale “Genova, Città di Colombo” – Grand Prix Italia Cadetti. Ottime le prestazioni messe in campo da tutti gli atleti. Maruska ha partecipato alla Coppa Europa in Svizzera che ha visto schierarsi ai nastri di partenza circa 300 atleti di 24 Nazioni e 3 Continenti (Europa – Asia – America).

Weekend ricco di soddisfazioni per lo Judo Club Ventimiglia

Particolarmente dura ed impegnativa la categoria di peso fino a 52kg nella quale ha gareggiato la nostra Maruska Iamundo. Cinque incontri in totale disputati dall’atleta dello Judo Club Ventimiglia e quinto posto finale di assoluto rilievo internazionale. Una prestazione matura che, dopo il bronzo ai Campionati Italiani Assoluti dello scorso mese di gennaio, ancora una volta sottolinea il talento della judoka intemelia.

Pappalardo e Padova hanno invece preso parte alla maratona judoistica a Genova con impressionanti numeri di partecipazione: ben 104 atleti partecipanti nei 66kg, categoria nella quale ha combattuto Riccardo Pappalardo, e 69 partecipanti nei 73kg dove ha combattuto Lorenzo Padova. Padova, alla sua prima competizione nella classe d’età dei Cadetti, esce al primo turno mostrando però un bel judo e buoni margini di miglioramento che sicuramente daranno buoni risultati, mano a mano che il giovane atleta imparerà a prendere le misure nella nuova fascia d’età. Pappalardo ingrana subito la marcia giusta che lo porta, dopo ben 7 incontri disputati, ad un ottimo quinto posto finale. Una bella prestazione che evidenzia la sua buona preparazione tecnica e fisica.

Leggi anche:  Judo in Fiore: per due mesi corsi gratuiti per i bambini

“Anche se torniamo a casa con due medaglie sfiorate di un soffio, tenuto conto dell’importanza e dell’altissimo livello di difficoltà di entrambe le competizioni, ci possiamo ritenere ampiamente soddisfatti delle prestazioni dei nostri ragazzi. Risultati di questo livello certamente non si improvvisano ma sono frutto di una programmazione attenta e mirata, di allenamenti seri e di tanto impegno sia da parte dei ragazzi sia dei tecnici che stanno costantemente al loro fianco. È per noi motivo di orgoglio sottolineare che questi ragazzi sono frutti del vivaio dello Judo Club Ventimiglia, hanno cominciato a fare judo giocando e divertendosi e, seguendo i consigli dei loro Maestri, sono riusciti, con tenacia e duro lavoro, a ricavarsi un posto di primo piano nelle competizioni nazionali ed internazionali”.