Grazie alla mediazione della Regione Liguria si è risolta positivamente la questione dell’assegnazione degli spazi ad Assonautica nel bacino del porto di Oneglia, assegnazione che aveva messo in allarme i pescatori professionisti che occupano la stessa banchina di levante del porto.

La questione era nata nei mesi scorsi a causa di un problema di sovrapposizione delle concessioni sul Molo Artiglio, con parte degli spazi in uso alla pesca che erano stati concessi ad Assonautica. Grazie all’intervento della Regione Liguria e dell’assessore al Demanio Marittimo Marco Scajola, si è aperto un tavolo di confronto fra il Consorzio Porto Pescherecci di Oneglia, Assonautica, Regione, Comune e Capitaneria di Porto che ha portato all’accordo odierno.

Assonautica si è resa disponibile a rivedere il perimetro dell’area in modo da non andare a interessare lo specchio acqueo utilizzato per la pesca. Il Comune ha così predisposto una modifica alla concessione demaniale già rilasciata, con Assonautica che si impegna alla realizzazione di una parte di banchina in oggi mancante in cambio di un’occupazione di quindici anni. Questa operazione consente da una parte di rispondere alle esigenze operative dell’associazione nautica imperiese, e dall’altra tutela i pescatori professionisti e il loro lavoro.

Leggi anche:  Porto di Imperia: la lettera di intenti del sindaco Capacci

“Sono molto soddisfatto dell’esito della vicenda che grazie alla collaborazione di tutti gli enti e dei soggetti interessati ha portato a una soluzione positiva che non danneggerà nessuno”, ha commentato l’assessore al demanio marittimo Marco Scajola.
“Sin dall’inizio come Regione Liguria abbiamo rimarcato l’importanza dei pescatori nel bacino portuale di Oneglia, realtà vitale per il commercio e per i tanti posti di lavoro che essa garantisce. Un ringraziamento deve andare ad Assonautica, la quale sin dall’inizio ha dato la massima diponibilità per risolvere la situazione, attraverso un lavoro di revisione del perimetro dell’area che aveva legittimamente ottenuto”.
“Questa modifica della concessione è al momento al vaglio degli uffici regionali che presto rilasceranno al Comune di Imperia il nulla osta”, ha concluso Scajola.