Aumenta l’aspettativa di vita, in pensione a 67 anni

I risultati pubblicati oggi dall’Istat sull’aspettativa media di vita degli italiani, aumentata rispetto al 2013,  si rivela, per tutti i giovani residenti nel nostro paese, una bella notizia con una seconda faccia più allarmante. Per tutti i lavoratori, a partire dal 2019, come prevedeva la legge Fornero, si profila l’uscita dal lavoro a 67 anni.

I risultati dell’Istat

Rispetto al 2015, anno tragico con un elevato tasso di mortalità, e al 2013, anno di un primo censimento, l’aspettativa di vita media di un italiano si è allungata di sette mesi. Gli uomini, mediamente, raggiungono gli 80, 4 anni di età, mentre il primato spetta sempre e comunque alle donne con 85 anni di aspettativa di vita. Il solo abbassarsi dei rischi di morte tra gli 80 e gli 89 anni comporta il 37% dell’aumento totale dell’aspettativa di vita. Diminuiscono anche le divergenze territoriali, in special modo tra Nord e Sud Italia: il divario dell’aspettativa si assottiglia sempre di più Un neonato venuto alla luce nel 1976 vantana il 90% di possibilità di giungere in vita ai 50 anni, 59 per le donne: quarant’anni dopo, i bebé del 2016 possono contare sulla stessa percentuale di probabilità di arrivare fino ai 64 anni, se maschi, e 70 se femmine.

Leggi QUI le altre notizie de La Riviera.it