Con la Confcommercio Imprese per l’Italia e Fipe, il sindacato dei pubblici esercizi, si impara a diventare
barman di successo: ripartono dal 16 ottobre 2017 i corsi professionalizzanti nella sede di corso Cavallotti
a Sanremo. SI tratta di un corso formativo indirizzato a chi ha la passione dei cocktails e vorrebbe
apprenderne le tecniche di preparazione, ma soprattutto a chi lavora già in un locale pubblico, o lo
gestisce, e vuole aumentare le proprie conoscenze e affinare le capacità.
Le lezioni sono divise su due livelli di difficoltà, e al termine di ogni ciclo Fipe-Confcommercio rilascerà un
attestato di partecipazione che potrà essere inserito nei curriculum vitae; una particolare visibilità sarà poi
riservata al vincitore del cocktail contest, evento che chiuderà il secondo ciclo di lezioni. “Questi corsi sono
molto importanti per formare nuovi professionisti, ma anche per perfezionare le conoscenze e le capacità
dei lavoratori già impiegati nel settore –commenta Andrea di Baldassarre Presidente Confcommercio della
zona di Sanremo e membro del consiglio provinciale Fipe-. Oggi infatti occorre puntare sulla qualità del
servizio offerto, secondo la logica che tutto quello che è made in Italy è sinonimo di eccellenza, e il settore
dei pubblici esercizi non fa eccezione”.

Il percorso di formazione è articolato in due moduli da 30 ore, divise in cinque lezioni da sei ore ciascuno,
che andranno dalle 14.00 alle 20.00, tutti i giorni dal lunedì al venerdì. La prima parte del corso è prevista
dal 16 fino al 20 ottobre: si tratta di una serie di incontri volti a fornire agli iscritti una generale conoscenza,
sia pratica che teorica, di tutti quegli strumenti necessari per lavorare a ricevimenti, feste private ma
soprattutto in un locale dietro a un vero bancone. Alla preparazione dei cocktail sarà invece dedicata la
seconda parte del percorso formativo, fissata dal 23 al 27 ottobre, che culminerà in una vera e propria sfida
tra gli iscritti per chi miscelerà il drink migliore. Per partecipare all’iniziativa è necessario pagare una quota
di iscrizione, che comprende tutto il materiale necessario per le attività didattiche come libri, bottiglierie e
attrezzatura varia.

Leggi anche:  Imperia: Porto di Oneglia, risolta la questione degli spazi dei pescatori

“Oggi mettere in piedi un pubblico esercizio, e portarlo avanti con successo, significa avere una precisa
formazione e una serie di approfondite competenze aggiunge Andrea Di Baldassarre-. Se una volta
qualcuno pensava che per avere un bar fosse sufficiente saper stappare un crodino, oggi è sotto gli occhi di
tutti come non sia più così, se mai lo è stato: i tempi sono cambiati, l’evenienza che un cliente possa
chiedere un cocktail complesso è all’ordine del giorno, e l’esercente in gamba dovrebbe essere in grado di
soddisfare ogni esigenza con professionalità”.

I corsi per barman Confcommercio-Fipe hanno saputo negli anni essere punto di riferimento di molti
giovani imprenditori, e strumento di crescita per tanti lavoratori: “La maggioranza di coloro che hanno
negli anni scorsi si sono aperti un’attività in proprio, chi invece cercava un impiego ha ottenuto in genere
ottimi riscontri, trovando occupazione fra hotel, spiagge, bar e ristoranti” spiega Enrico Calvi, presidente
della Fipe per la provincia di Imperia. “Fipe –aggiunge Calvi- è il primo soggetto, che tutela gli interessi dei
pubblici esercizi, per numero di iscritti a livello nazionale, e nella provincia di Imperia. Solo in provincia si
contano più di 700 aziende iscritte. Il nostro compito è quello di portare avanti con impegno e convinzione
il lavoro di formazione per i lavoratori del comparto, e in questa nostra missione siamo confortati anche
dagli ottimi risultati che l’ultima stagione turistica ha consegnato alla nostra regione. Si respira un po’ di
aria di ripresa nel settore, e il nostro compito è quello di aiutare le aziende a consolidare per il futuro il
buon andamento degli ultimi tempi: un elemento centrale della strategia per conseguire questo risultato è
alzare la qualità del servizio”.

E’ possibile iscriversi presso le sei sedi provinciali della Confcommercio; per
maggiori informazioni contattare la Dott.ssa Roberta Maglio all’indirizzo e-mail
formazione@confcommercio.im.it, oppure al numero di telefono 0183/290234.