Oltre cinquanta visitatori alla scoperta della Borgomaro segreta

Il giro è stato un vero e proprio test verso un museo diffuso in Borgomaro

Domenica 17 dicembre, in occasione della festa e fiera “Spantegai in ti Caruggi”, cinquanta visitatori hanno potuto scoprire i luoghi di arte e storia, normalmente chiusi al pubblico, come gli oratori e le cappelle private, guidati dagli storici Anna Marchini e Gian Pier Martino.

Lo staff di Liguria Wow, presente con una postazione in piazza, ha fatto viaggiare virtualmente i passanti con l’ausilio dei Google Cardboard, portandoli sui prati del vicino Guardiabella, nella fontana sotterranea di via Garibaldi e in altri luoghi non facilmente accessibili, legati alla storia della valle.

Il giro è stato inoltre un vero e proprio test verso un museo diffuso in Borgomaro: il progetto Liguria Wow, delle associazioni Wepesto e Ponente Experience, mira infatti a rendere fruibili non solo i sentieri più spettacolari ma anche i tesori dei paesi del territorio su Google Street View e sul sito del progetto. È già possibile infatti visitare online una parte del borgo su www.liguriawow.it/borgomaro

Le associazioni di Liguria Wow desiderano ringraziare per l’opportunità le due guide coinvolte, il Comune di Borgomaro e l’Associazione U Castellu.