Il Mar celebra la Festa della Donna

Sabato 10 marzo alle ore 16.00 nella sala “Emilio Azaretti”del Museo Girolamo Rossi si svolgerà la nona edizione di “Apronia Marcella e le altre. Voci e storie di donne per Ventimiglia”, con la conferenza “Sforsatamente pigliata. Il rapimento di una giovane donna nelle carte del seicento”, a cura di Giusy Ingenito e Rita Zanolla, realizzata dall’Associazione Culturale di Ricerca Locale ARLAGRANDA e dal Museo in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, la Presidenza del Consiglio Comunale della Città di Ventimiglia, la Sezione di Ventimiglia dell’Archivio di Stato e la Fondazione Livio Casartelli-Ippolita Perraro.

L’incontro

L’incontro, inserito nelle iniziative previste nel progetto per la celebrazioni della Donna, Museo Rosa, dall’8 marzo all’8 aprile 2018, punta l’attenzione sulla sottomissione della donna al potere maschile, così come si presentava sul finire del 1600. L’occasione è data dagli atti di un processo per il rapimento di una ragazza che, attraverso un lavoro di certosina pazienza, Giusy Ingenito ha tratto e trascritto da diversi registri e documenti conservati presso l’Archivio di Stato di Ventimiglia.

Leggi anche:  Sinfonia classica e concertante a confronto

Il processo

Il processo prende avvio da una lettera che il padre di Annamaria presenta al Capitano di Ventimiglia per denunciare l’avvenuto rapimento della figlia. La quale figlia, proprio quel giorno, avrebbe dovuto concludere le nozze con uno sposo che il padre le aveva destinato e con il quale, sempre il genitore, aveva già trattato la dote maritale. Sarebbe stato un matrimonio come si svolgeva allora, in cui le famiglie guardavano all’aspetto economico più che alla compatibilità affettiva tra i futuri sposi. All’improvviso, la ragazza è portata via con la forza da casa sua a opera di quattro giovani armati e condotta a casa di uno di questi. Il tutto è stato elaborato da Rita Zanolla in una lettura che rende accattivante la storia, inframmezzata dalle testimonianze reali ed arricchita da notizie atte a ricostruire le condizioni storiche e sociali di allora, con particolare attenzione al ruolo della donna. La lettura prevede interventi di Mara Cilli e Laura Invernizzi e i passi delle testimonianze sono narrate dai giovani studenti ventimigliesi Mara Amapane, Davide Longordo e Federico Taggiasco.