Violenza sessuale tra le mura domestiche

Al via i, processo con l’esame delle due sorelle

Si è aperto, oggi, davanti al tribunale collegiale di Imperia il processo per violenza sessuale aggravata che vede alla sbarra un padre di Sanremo, accusato di aver abusato delle due figlie – oggi di 30 e 36 anni – nel primo caso per ventidue anni consecutivi e nel secondo, per cinque anni. In concorso è imputata pure la madre delle due sorelle, moglie del padre orco, accusata di essere a conoscenza delle violenze, ma di non aver denunciato.

Il dibattimento

Il dibattimento, durato circa cinque ore, si è aperto con l’esame delle due parti offese, che hanno confermato gli addebiti, davanti al Collegio (presidente Donatella Aschero, giudici a latere: Silvia Trevia e Massimiliano Botti), al pubblico ministero e agli avvocati. La prima ragazza, oggi di trentasei anni, sarebbe stata abusata per circa cinque anni: dal 1991 in avanti, finché raggiunti i quindici anni di età, ha deciso di andarsene di casa.

In più occasioni il padre l’avrebbe obbligata anche ad avere rapporti completi. La sorella, invece, sarebbe stata abusata per ventidue anni, fino al 2013, quando anche lei è andata via di casa. Ma in questo caso si parla “solo” di palpeggiamenti. Le indagini hanno preso le mosse, nel 2013, dopo che proprio quest’ultima ha confessato gli abusi alla psicoterapeuta, alla quale si era rivolta per curare una depressione.

Leggi anche:  Pullman tampona scooter: ferito in "codice rosso" all'ospedale di Sanremo

I lati oscuri

Molti i lati ancora oscuri della vicenda, che andranno chiariti in sede processuale. Innanzitutto se le due sorelle fossero a conoscenza dei rispettivi abusi. Sembra, infatti, che siano emerse dichiarazioni contrastanti.

E poi, come mai la più piccola, andata via di casa a quindici anni, per gli abusi, non si sia preoccupata del fatto che uno stesso trattamento potesse essere riservato anche alla sorella e perchè gli abusi sono stati denunciati a così tanti anni di distanza.

Resta, inoltre, il fatto che per una decina d’anni, anche durante il periodo dei presunti abusi, le due sorelle avrebbero lavorato assieme alla madre in un negozio a conduzione familiare. L’udienza è stata aggiornata al prossimo 17 ottobre per l’esame dei testi del pm. Presenti come avvocati della difesa: Elena Pezzetta (padre); Simona Urso (madre) e Bruno Di Giovanni (parti offese).