Un tunisino di 45 anni, con precedenti per spaccio e irregolare in Italia, che alla vista della polizia ha ingoiato 27 bustine per un totale di circa venti grammi di eroina, è stato arrestato a Ventimiglia.

Ancora una volta dopo aver ingoiato della droga, il nordafricano era già stato arrestato, il 30 gennaio scorso e successivamente condannato a due anni, con pena sospesa e divieto di dimora nella provincia di Imperia.

L’operazione antidroga è scattata su un autobus di linea, in transito sull’Aurelia, all’altezza di Bordighera, dove gli agenti sono saliti in abiti civili, per effettuare una serie di controlli.

Una volta capito che stava per essere “beccato”, nel giro di pochi secondi, l’uomo è riuscito a ingoiare le bustine in rapida successione.

A quel punto sono intervenuti i poliziotti, che avendo capito lo stratagemma, dopo avergli sequestrato un telefono e alcuni effetti personali, lo hanno condotto in ospedale per delle radiografie. Nel frattempo, tuttavia, aveva ammesso i propri addebiti e così sono scattate le manette.