E’ morto Paolo Agnesi, 79 anni, uno degli eredi della famiglia che fondò lo storico pastificio imperiese, chiuso nel dicembre del 2016, per volontà del Gruppo Colussi che in passato aveva acquisito il marchio.

Era consigliere di amministrazione della casa di riposo “Opera Pie Agnesi”, di Pontedassio, il piccolo centro dell’immediato entroterra di Imperia, dove il pastificio nacque nel 1824.

All’epoca, in realtà, era ancora un mulino dal quale si ricavava la farina. Tra la fine dell’800 e l’inizio del secolo scorso, il pastificio si spostò a Oneglia per motivi logistici: la costruzione della ferrovia e la presenza del porto, che facilitavano i trasporti commerciali.

“Conoscevo bene Paolo – commenta il sindaco di Pontedassio, Franco Ardissone -. Era un vero signore, inflessibile, di vecchio stampo. Anche se ora viveva a Imperia, veniva spesso a Pontedassio, dove ha ancora numerosi possedimenti e campagne di olive”.

Fino a qualche tempo fa, partecipava a tutti i consigli di amministrazione della casa di riposo, il cui cda è sempre stato formato da tre membri di nomina comunale, uno della diocesi (il parroco) e uno della famiglia Agnesi.

Leggi anche:  Addio a Patrizio Marra, aveva 47 anni

Poi, con l’aggravarsi delle sue condizioni di salute ha iniziato a ritirarsi. I suoi funerali sono stati celebrati ieri a Oneglia e la salma è stata successivamente tumulata a Pontedassio, nella tomba di famiglia.