La polizia ha identificato i giovani appartenenti alla baby gang che, circa un mese fa, ha imbratto le vie di Imperia e danneggiato alcune auto, tra cui anche quella del segretario provinciale del Pd, Pietro Mannoni.

Si tratta di cinque ragazzi e una ragazza, tutti minorenni, il cui capo: I.S., con precedenti specifici, è stato denunciato alla Procura dei Minori di Genova con l’accusa di danneggiamento; mentre il suo braccio destro, L.G., dovrà rispondere di favoreggiamento e sugli altri componenti l’autorità giudiziaria sta decidendo quali provvedimenti adottare.

Il simbolo del dollaro, unitamente a una corona e due svastiche, era la loro firma. Le indagini, condotte dalla Digos, sono durate poco più di un mese, nel corso del quale gli agenti hanno esaminato le registrazioni degli impianti di video sorveglianza della zona, incastrando tutti i componenti del gruppo.

Oltre al cofano della vettura di Mannoni, la gang si era divertita a imbrattare anche le vie centrali della città, il cimitero e un furgone.

Leggi anche:  Lancio di uova e carta igienica a Salvini: 7 contestatori a processo

Ad inchiodare I.S. è stato il simbolo del dollaro tatuato sull’anulare della propria mano sinistra e una svastica, che lui stesso ha disegnato sulle scarpe di un altro componente del gruppo, quasi a voler testimoniare le proprie doti decisionali e di leader.