Sono state 171.710 le persone identificate dalla polizia di frontiera di Ventimiglia, nel 2017. Lo ha comunicato stamani, Raffaele Cavallo, direttore di prima zona del Dipartimento della polizia di frontiera di: Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta, a Ventimiglia, alla presentazione dell’annuale bilancio dell’attività al confine con la Francia. Gli stranieri identificati, in particolare, sono 89.100.

Gli arresti, in totale, sono stati 233, di cui 12 transfrontalieri ovvero portati a termine, in maniera congiunta, dalle due polizia confinanti; 25 gli arresti per immigrazione clandestina e 26 quelli di passeur. Sono, inoltre, 117 le denunce in stato di libertà.

Tra gli arresti più importanti: nel gennaio del 2017, quello di un passeur albanese con quarantuno clandestini a bordo di un camion; a febbraio dello stesso anno, finisce in carcere: Mikhail Nekrich, cittadino russo di 53 anni, residente a Zurigo, ricercato in campo internazionale, in quanto condannato all’ergastolo per omicidio.

Il 15 dicembre scorso, alla stazione di Ventimiglia, viene arrestato: Ermanno Fieno, 44 anni, accusato del duplice omicidio dei genitori, a Viterbo.

Leggi anche:  Passeur residente a Sanremo condannato a 2 anni

LA VIDEO INTERVISTA A RAFFAELE CAVALLO