Nadhir Garibizzo a destra nella foto in alto

Avrebbe aggredito o addirittura tentato di accoltellare il figlio di un’avvocatessa di Imperia (e ferito  il marito della stessa intervenuto per disarmarlo con un amico che si trovava in casa) nel tardo pomeriggio di oggi. Per questo motivo l’ex medico di Imperia Nadhir Garibizzo, 59 anni, condannato a 15 annni nel 2002 per l’omicidio dell’amante Ornella Marcenaro, poco prima di Natale del 2001 (e scarcerato nel 2011: in Appello la pena fu ridotta a 12 anni per le sue condizioni psichiatriche) è stato arrestato oggi dai carabinieri con l’accusa di tentato omicidio.

L’omicidio di Ornella Marcenaro era avvenuto nel suo studio in via Bonfante al culmine di un rapporto sessuale. Forse un gioco erotico spintosi oltre. L’uomo cercò poi di occultare il cadavere nascondendolo  in un baule presso un casolare di Aurigo. La rapida scarcerazione dopo appena 9 anni e mezzo fu legata a buona condotta. I carcere si prodigò per aiutare come medico gli altri carcerati e risarcì i famigliari della vittima. In primo grado era stato condannato a 15 anni di reclusione in un ospedale psichiatrico.

Leggi anche:  Sgominata una gang di ladri in trasferta: colpi commessi da Ventimiglia a Varazze

Un carattere particolare quello di Garibizzo che nel 2014 lo portò nuovamente davanti a un giudice del tribunale di Imperia per rispondere di minacce nei confronti di un imprenditore edile  albanese, Musa Xhaseraj, e di un geometra imperiese Davide Pozzati, per divergenze su alcuni lavori realizzati presso la sua abitazione.

(LEGGI QUI GLI SVILUPPI)