Taglio del nastro per il nuovo Palasalute di Imperia

L’inaugurazione alla presenza del Presidente Toti

Oltre cinquanta ambulatori, per circa duecento operatori a regime e un costo complessivo di circa dodici milioni di euro. Questo, in estrema sintesi, è il Palasalute di via Acquarone, a Imperia, attivo da circa due settimane, ma la cui inaugurazione è avvenuta, oggi, alla presenza del governatore della Liguria, Giovanni Toti, del vice governatore e assessore alla Sanità Sonia Viale; oltre agli assessori Marco Scajola e Gianni Berrino.

A fare gli onori di casa: il sindaco di Imperia Carlo Capacci e il direttore generale dell’Asl 1 Imperiese, Marco Damonte Prioli. “E’ una struttura moderna, che offre tutti i servizi di accesso territoriali, che il cittadino incontra nel suo percorso sanitario – ha affermato Prioli -. Il nostro obiettivo è di offrire un servizio di qualità anche dal punto di vista tecnologico”.

Le dichiarazioni di Prioli

Secondo Prioli, il neo inaugurato Palasalute, una volta a pieno regime, dovrebbe essere frequentato anche da cinquecento persone al giorno. “Il cittadino – ancora Prioli – trova qui dal centro unico di prenotazione, agli ambulatori specialistici, all’anagrafe sanitaria. E poi, il servizio di medicina legale; il centro di assistenza al bambino, con la neuropsichiatria infantile, ma anche ginecologia e gli ambulatori pre-parto”.

Sulla polemica dovuta al fatto che il Palasalute è stato realizzato su una zona a rischio di esondazione (nei pressi del rio Artallo), il sindaco Capacci ha commentato: “E’ come fare un goal a porta vuota. Certo c’è stato un grave errore del passato, ma non imputabile a noi o a questa Giunta regionale. Io e il direttore dell’Asl abbiamo firmato un’ordinanza sindacale, e ce ne prendiamo le responsabilità, perchè ci sembrava vergognoso tenere chiusa una struttura del genere”.

Tra l’alto sono in corso opere di mitigazione del rischio, che riguardano tutta la zona circostante il Palasalute. Al momento la struttura dovrebbe chiudere solo in vista di allerta rossa o arancione per temporali. Capacci ha anche sottolineato che il rischio riguarda solo l’ingresso e non lo stabile.

Tre piani per un totale di 6mila metri quadri ai quali vanno aggiunti i due piani interrati per i parcheggi

Al piano terra ci saranno centro prelievi, Cup (centro unico per le prenotazioni degli esami), distribuzione farmacie e sportello unico per anagrafe sanitaria, assistenza protesica, trasporti ambulanze, residenze protette, patenti, porto d’armi, sanità animale e ufficio relazioni con il pubblico.

Leggi anche:  Scuole chiuse a Imperia per allerta meteo lunedì 8 gennaio

Al secondo ci saranno Centro pediatrico di riabilitazione motoria, Consultorio e Spazio giovani (ambulatorio ostetrico-ginecologico, pediatrico, assistenti sociali, palestra corsi pre-parto e spazio mamma, psicologia, screening pap test), disabilità adulti, foniatria (logopedia), Neuropsichiatria infantile.

Al Terzo piano, assistenza protesica, Dipartimento di prevenzione (Igiene pubblica, Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro, Sicurezza alimentare, Sanità animale), Distretto sanitario, Medicina legale (commissione invalidi, certificazioni patenti e porto d’armi).

E sull’ospedale unico l’ipotesi di un  project financing

“E’ un’opera fondamentale, la stella polare, che dobbiamo continuare ad avere per un servizio sempre migliore ed efficiente, e perchè ciò avvenga con costi e capacità sostenibili, per una finanza pubblica che soffre sempre della spending review e che deve mantenere degli equilibri. Un esempio di qualità, che deve concentrarsi in termini estetici, funzionali e di prestazioni”.

Lo ha dichiarato il governatore della Liguria, Giovanni Toti, a margine dell’inaugurazione del Palasalute di Imperia. Riguardo la realizzazione di un ospedale unico, Toti ha annunciato la possibilità di ricorrere a dei project financing, quindi anche con l’intervento del privato, per portare a termine l’ambizioso progetto, che al momento non prevede copertura finanziaria.

“L’ospedale unico è una struttura importante – ha poi affermato l’assessore regionale alla Sanità, e vice governatore, Sonia Viale – perchè significa poter puntare su una struttura all’avanguardia dal punto di vista tecnologico anche in base ai nuovi standard del momento”. L’ospedale unico, infatti, come confermato anche dal direttore generale dell’Asl 1 Imperiese, Marco Damonte Prioli, è stato inserito nel Piano socio sanitario ligure, in approvazione a novembre.

Intervista al direttore generale dell’Asl 1 Prioli

Intervista al sindaco di Imperia Carlo Capacci

Le parole dell’Assessore Sonia Viale

Intervista al governatore della Liguria Giovanni Toti

Il discorso del governatore Giovanni Toti

Il discorso del sindaco di Imperia, Carlo Capacci

Un altro intervento dell’assessore Sonia Viale