Il Comune di Ventimiglia ha rinnovato, anche per il 2018, la convenzione con la Croce Rossa Italiana per l’accoglienza dei minori non accompagnati. L’amministrazione, retta dal sindaco Enrico Ioculano (Pd), ha preventivato una spesa giornaliera di 45 euro per ciascun ospite del centro, per un totale di circa sessantamila euro, nel periodo tra gennaio e dicembre di quest’anno.

Ma non è tutto. Ha anche messo a bilancio una spesa di 350 euro al mese, per un totale di 4.200 euro all’anno, come contributo “finalizzato a garantire la reperibilità sui casi”.

Il Comune, in questo caso: “è tenuto a svolgere, obbligatoriamente per legge, le funzioni di tutela e sostegno nei confronti dei minori stranieri non accompagnati – è scritto nella relativa delibera – ritrovati sul territorio comunale e senza familiari tenuti a provvedervi, segnalati dall’Autorità Giudiziaria e/o affidati al Comune dal Tribunale per i Minorenni”.

La reperibilità richiesta alla Croce Rossa riguarda la disponibilità dell’ente a intervenire in qualsiasi momento, a richiesta del Comune: “verificata l’impossibilità di reperire sempre, seduta stante, comunità educative, disponibili all’immediata accoglienza di un numero così elevato di minori”. Sessantamila euro è un pfreventivo. La somma potrebbe essere superiore o inferiore, a seconda degli accessi.