Mercato del lavoro non ancora fuori dal tunnel crisi

Il mercato del lavoro in Liguria è ancora in leggero ritardo nella marcia verso l’uscita dal tunnel della crisi. Gli ultimi dati Istat elaborati
dall’Ufficio studi Confartigianato mettono in luce un recupero rispetto dagli anni più bui, che, dopo essersi pressoché stabilizzato negli ultimiulti anni, è ora distante 1,2 punti percentuali dai massimi pre-crisi: nel 2008 il tasso di occupazione in Liguria era del 63,6%, mentre nel 2017 si è attestato al 62,4%.

Imperia agonizzante

A livello provinciale, a “soffrire meno” è Genova, il cui tasso di occupazione dell’anno scorso è distante un punto percentuale rispetto al massimo pre-crisi: 63,3% contro il 64,3% del 2009. Segue Savona, che nel 2017 registra un tasso del 63,4%, 1,6 punti in meno rispetto al 65% de2009. Maggiore il gap nello spezzino e nell’imperiese: alla Spezia nel 2017 il tasso di occupazione è del 63%, 2,2 punti percentuali in meno rispetto al massimo pre-crisi, cioè il 65,2% registrato nel 2006. Infine, Imperia, con un pesante margine da colmare, pari all’8,4%. Il tasso di occupazio del 2017 si ferma al 56,8%, contro un massimo pre-crisi registrato nel 2007 pari al 65,2%.

Leggi anche:  Diano Marina di nuovo senz'acqua

Piccole imprese zoccolo duro

Le piccole imprese (fino a 50 addetti) contano il 50,7% dei dipendenti in forza ma, secondo l’analisi di questi dati, spiegano il 65,6% delle
posizioni create nel biennio 2015-2017; se rapportiamo le posizioni create allo stock dei dipendenti, si calcola che il tasso di creazione di posti di lavoro delle piccole imprese è del 3,8%, quasi doppio del 2,0% delle medie-grandi imprese.