Dopo le parole dure pronunciate contro l’Italia dal portavoce del movimento En Marche del presidente francese Emmanuel Macron sulla chiusura dei porti alla nave di migranti Aquarius (Gabriel Attal aveva detto “la posizione del governo italiano sui migranti è da vomitare”) non tardano le reazioni anche tra i politici di destra del ponente ligure. In particolare nelle scorse ore l’assessore regionale Gianni Berrino di Sanremo non ha usato mezze misure contro Macron (irriso con il nomignolo “Micron”) e le politiche francesi, nonché restituendo l’epiteto vomitevole ai francesi.

Il post di Gianni Berrino

“Micron ci ha definito vomitevoli per aver chiuso i porti ad una nave con 600 persone a bordo – scrive in un post l’assessore di Fratelli d’Italia – Cosa dovrebbero dire i ventimigliesi , i liguri, gli italiani di lor signori francesi che quotidianamente tengono chiuse le frontiere terrestri a migliaia di immigrati anche minorenni che vogliono entrare in Francia? Una vomitevole Grandeur!!!”

Nelle scorse ore da Attal una leggera marcia indietro:  «Non ho nulla contro l’Italia, forse ho usato una parola sbagliata ma è stata una reazione a caldo, vedendo quello che stava succedendo» mentre il presidente Macron per criticare l’Italia ha utilizzato un termine un po’ più neutro: “Italia cinica”.