Interviene Sergio Rossetti, Partito Democratico

Contro la violenza di genere: l’appello del consigliere Sergio Rossetti (PD)

“Oggi, nel giorno della grande mobilitazione contro la violenza sulle donne – dichiara Sergio “Pippo” Rossetti, consigliere Pd in Regione Liguria – propongo una riflessione al maschile. L’archetipo culturale degli uomini è la fonte della violenza contro le donne. L’uomo forte, superiore, dominante non sostiene la competitività femminile, la libertà della donna, il fatto che lei possa guadagnare di più, lasciarlo, rifiutarlo, tradirlo… in tutte le culture ciò è concesso all’uomo ma non alla donna. Non sfugga che il femminicidio è la punta dell’iceberg.

“Non esiste un uomo che tornando a casa la sera abbia avuto paura di essere violentato”

“Nella sua parte sommersa c’è la violenza quotidiana -continua il consigliere – non solo tra le mura di casa ma in tutti gli ambienti in cui
si svolge la nostra vita. Non esiste un uomo che tornando a casa la sera abbia avuto paura di essere violentato. Al contrario, non esiste una donna che non sia stata molestata almeno una volta nella vita, con il timore di subire atti peggiori fino alla violenza vera e propria. Il 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – sottolinea – dovrebbe partire anche una riflessione tra i maschi, per capire come gestire la diversità tra uomo e donna senza prepotenza né violenza. Neppure quella più facile che si manifesta nel linguaggio, negli atteggiamenti, nell’abuso di potere grande e piccolo che caratterizza molto spesso il rapporto degli uomini con le donne”

La politica deve stimolare il cambiamento”

“Alla riflessione deve seguire l’impegno. Contro la violenza di genere – ricorda Rossetti – sono stati investiti 40 milioni nel piano straordinario contro la violenza sessuale, 30 milioni per le strutture a sostegno delle vittime, ed è stato istituito il numero telefonico antiviolenza 1522, attivo 24 ore al giorno in 13 lingue. La politica deve stimolare il cambiamento culturale – conclude – e proseguire questo prezioso lavoro sul campo”.

Leggi QUI le altre notizie de La Riviera.it