Scambiata per ladro al supermercato

Donna scambiata per ladro al supermercato

Essere scambiati per un malfattore non fa mai piacere, e ancora meno ne fa rendersi conto che nella nostra società, troppe volte l’abito fa il monaco eccome. A testimoniare questa amara conclusione arriva la brutta esperienza vissuta da una donna imperiese, Simona G., che ieri in un supermercato, è stata scambiata per un ladro nonostante sia una cliente abituale, probabilmente a causa del suo abbigliamento (vestiva in tuta) e dell’aspetto forse un po’ trasandato (convalescente da una malattia). La donna ha affidato a Facebook, sul gruppo “Mugugni d’Ineja e du Portu” il suo sfogo e la sua riflessione: “La prossima volta andrò vestita di abiti firmati”. Numerosi i commenti di solidarietà dopo che Simona ha raccontato la sua esperienza, aprendo un’animata discussione sul gruppo.

Il racconto

Ecco il post sui social in cui l’imperiese racconta la sua brutta esperienza.”Buongiorno ,volevo condividere con voi un fatto spiacevole che mi è successo ieri in un supermercato di Imperia:sono andata a fare la spesa vestita in tuta ,e siccome non sono stata troppo bene, il mio aspetto poteva sembrare un po’ trasandato,avevo una borsa con su scritto ‘pace’ un po’ ‘hippie’ forse,insomma al momento di pagare tiro fuori i miei sacchetti e contemporaneamente un sacchetto di pile scadute che volevo gettare nei contenitori che ci sono a disposizione per tutti.Probabilmente questi gesti hanno fatto sorgere il dubbio alla commessa che mi fossi rubata qualcosa,infatti mi chiede di posare sul rullo anche ciò che avevo messo in borsa,questo davanti ad altri avventori.

“La prossima volta andrò con la borsa firmata”

“Io naturalmente rimango allibita – continua la donna -sono una cliente abituale,non ha suonato nessun allarme e soprattutto nella mia borsa c erano solo le mie cose personali,ora mi chiedo sarà stato l’ abito ? Chiedo anche a voi è mai successo?La prossima volta andrò a fare la spesa in completo a con la borsa firmata .Scusate – conclude – ma la cosa mi ha fatto riflettere.

Leggi QUI le altre notizie de La Riviera.it