Finanziamenti europei per le opere pubbliche a Imperia

Circa 4milioni e 8oo mila euro da spendere entro il 2018

Il Consiglio Comunale di Imperia ha approvato ieri sera una variazione di bilancio per inserire nel bilancio 2018 gli importi del contributo UE che è stato assegnato nell’ambito del progetto POR FESR Asse 6 – città 2014 – 2020.

La variazione si rende necessaria per anticipare i tempi di progettazione; la UE mette a disposizione 8 milioni per ogni città ligure (i 4 capoluoghi più Sanremo) con un cofinanziamento da parte del Comune del 30%, ma li eroga in due tranche: è gia stato approvato il primo step di 4,8 milioni da spendere a fine 2018 e quindi il tempo è prezioso.

Verranno completamente finanziati con fondi UE quattro importanti interventi: rifacimento tetto e riqualificazione energetica della piscina comunale e del Cavour, riqualificazione energetica delle scuole di Largo Ghiglia e secondo lotto della frana di Montegrazie con bonifica idrogeologica del versante.

Il comune di Imperia si è già messo avanti ed è l’unica della 5 città liguri ad aver già iniziato da tempo il progetto: sono stati infatti inseriti nella strategia urbana del POR FESR una serie di interventi già realizzati nel 2017 e ancora in corso. Ciò ha consentito da un lato di accelerare i tempi, facilitando il raggiungimento dei target fissati dalla UE, dall’altro lato il comune ha già ampiamente cofinanziato la sua quota del 30% e quindi non dovrà spendere altre risorse: infatti la quota del 30% sarebbe pari a 1.440.000 ma l’ente ha già finanziato di tasca sua progetti per 2.067.000 (vedi prospetto), quindi una quota di 627.000 dei fondi che verranno erogati tornerà disponibile sul bilancio del Comune per altri interventi di qualunque genere, in aggiunta ai quattro interventi sopra citati.

Leggi anche:  Soliti Ignoti: la campionessa di bowling imperiese Tiragallo tradisce il concorrente con Batman

L’Assessore Abbo commenta “siamo la cenerentola dei Comuni liguri sia come abitanti che come dimensione degli uffici LLPP. Siamo riusciti a trasformarci da brutto anatroccolo in cigno grazie allo sforzo immane ed alla qualità eccellente delle risorse umane degli uffici: in pochissimi hanno fatto un lavoro enorme ed oggi siamo il comune più avanti nella speranza di centrare gli obiettivi e quindi di ottenere anche la seconda tranche di contributo”.

Gli obiettivi da raggiungere entro la fine del prossimo anno

Nello specifico, ci sono tre obiettivi da raggiungere entro fine 2018: 1) spendere almeno 2.200.000, e questo obiettivo è quasi raggiunto con i soldi già spesi dal Comune,2) mitigare il rischio idrogeologico a 3.800 persone su tutta la regione, e Imperia ha già fatto la sua parte con gli interventi in Montegrazie, Via Acquarone, Via Gazzano ecc 3) ottenere un risparmio energetico di 270.000 kw, e per centrare anche questo target dovrà essere realizzata la riqualificazione energetica della scuola di Largo Ghiglia oppure il rifacimento della copertura della piscina comunale. Come sempre, ci sarà da correre …