Occupazione giovanile in crescita in Liguria anche grazie all’aumento dei contratti di apprendistato registrati nel 2017.

Occupazione giovanile in crescita con i contratti di apprendistato

Nel 2017 i contratti di apprendistato nella nostra regione aumentano di oltre il 19%. Liguria sesta per incidenza sul totale dei rapporti di lavoro attivati. Grasso (Confartigianato): «Formula da sostenere e incentivare per contrastare la disoccupazione giovanile» Liguria ai primi posti d’Italia per incidenza dell’apprendistato sui nuovi rapporti di lavoro attivati nel corso del 2017.

Secondo gli ultimi dati Inps, elaborati e diffusi dall’Ufficio studi Confartigianato, la nostra regione si colloca in sesta posizione con 4,7 contratti di apprendistato ogni 100 rapporti di lavoro attivati.

I numeri nazionali

I dati nazionali sui flussi del mercato del lavoro forniti dall’Inps per classi di età evidenziano che nel segmento dei giovani under 30, nel corso del 2017, il numero delle nuove assunzioni in apprendistato, pari a 274 mila, in crescita di poco più del 20% rispetto all’anno precedente, supera quello delle assunzioni a tempo indeterminato (273 mila, in discesa del 13,9%). «L’analisi dell’andamento dei contratti di apprendistato mette in luce l’apporto positivo che questa formula contrattuale ha dato all’andamento dell’occupazione giovanile nel corso del 2017 – commenta Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – Un segnale importante a dimostrazione del valore dell’apprendistato che, affiancando formazione e lavoro, rappresenta uno strumento fondamentale, e per questo da sostenere e incentivare, per combattere la disoccupazione giovanile, nonché il fenomeno dei Neet che risulta in crescita anche nella nostra regione».

Leggi anche:  Il Senegal incontra Imperia

Aumentano anche le assunzioni “rosa”

Guardando il dettaglio per genere, emerge che il sorpasso delle assunzioni in apprendistato è dovuto al maggiore dinamismo della componente femminile: le assunzioni “rosa” di apprendisti (114 mila) superano di oltre 7 mila unità quelle a tempo indeterminato (107 mila), mentre per i maschi sono ancora le assunzioni a tempo indeterminato (166 mila) a superare di circa 6 mila unità quelle effettuate in apprendistato (160 mila).